2.UWT / Corsa in linea  

Giro del Delfinato - 2a tappa

 
05/06/2018 - KM : 181,00  Start List
 
Montbrison Belleville
   
 
 
 

 SINTESI GARA ORA: 16:29 KM Arrivo: 0

E' andata a  Pascal Ackermann (BORA - hansgrohe) la seconda tappa del Criterium del Delfinato 2018. Il velocista tedesco si conferma uno dei talenti più promettenti del panorama internazionale bruciando sul traguardo di Belleville il ben più esperto  Edvald Boasson Hagen (Dimension Data).

La tappa odierna presentava un disegno altimetrico simile a quello di ieri con 5 salitelle ma nessuna ascesa particolarmente impervia; l'ultima difficoltà altimetrica era però posta più distante dal traguardo per cui sembrava più probabile uno sprint a ranghi compatti. L'avvio di corsa è stato molto veloce ma dopo pochi chilometri hanno preso il largo quattro atleti:  Nikita Stalnov (Astana Pro Team),  Antoine Duchesne (Groupama-FDJ) ,  Pierre-Luc Perichon (Fortuneo - Samsic ) e  Frederik Backaert (Wanty - Groupe Gobert).

Il vantaggio di questo quartetto è salito costantemente fino a toccare i 7 minuti mentre la squadra della maglia gialla  Michal Kwiatkowski (Team Sky) si disinteressava a loro. Soltanto quando altre formazioni come la Mitchelton e la Vital Concept si sono portate in testa il gruppo ha iniziato a rosicchiare secondi su secondi ai fuggitivi. La fase centrale di gara, quella più ondulata, è stata fatale a molti nel plotone compreso  Bryan Coquard (Vital Concept Cycling Club) che è stato costretto a sfilarsi, mentre il testa si staccava  Frederik Backaert.

Ad accendere ulteriormente la situazione ci hanno pensato  Antwan Tolhoek (Team LottoNL - Jumbo) e  Jesus Herrada Lopez (Cofidis, Solutions Crédits) che sono fuoriusciti dal gruppo guadagnando qualche decina di secondi prima di essere riassorbiti. Intorno ai -15 hanno alzato bandiera bianca anche  Pierre-Luc Perichon (Fortuneo - Samsic ) e  Pierre-Luc Perichon (Fortuneo - Samsic ) che hanno dunque lasciato da solo al comando  Nikita Stalnov (Astana Pro Team). Il kazako ha tenuto duro fino all'ultimo chilometro ma proprio in concomitanza con la flamme rouge ha dovuto arrendersi alla rimonta del gruppo.

La contesa si è dunque risolta in uno sprint tiratissimo su un ampia sede stradale.  Edvald Boasson Hagen è partito lungo assieme a  Oliver Naesen, ma quando il norvegese sembrava avere la vittoria in pugno è spuntato  Pascal Ackermann che lo ha beffato. Soltanto 3 minuti dopo il vincitore è arrivato  Michal Kwiatkowski, incorso in una rovinosa caduta in prossimità di una rotonda a 1200 metri dall'arrivo. Il polacco, che ha chiuso la propria fatica con evidenti escoriazioni, ha beneficiato della neutralizzazione ma cede comunque la leadership della generale a  Daryl Impey (Mitchelton-Scott) che usufruisce degli abbuoni per il terzo posto odierno.







condividi la pagina:
ORDINE  D'ARRIVO
1  Pascal Ackermann - BOH
2  Edvald Boasson Hagen - DDD s.t.
3  Daryl Impey - MIT s.t.
4  Oliver Naesen - ALM s.t.
5  Jens Keukeleire - LTS s.t.
6  Julien Simon - COF s.t.
7  Dion Smith - WGG s.t.
8  Patrick Bevin - BMC s.t.
9  Toms Skujins - TFS s.t.
10  Romain Hardy - TFO s.t.
11  Odd Christian Eiking - WGG s.t.
12  Michael Valgren - AST s.t.
13  Heinrich Haussler - TBM s.t.
14  Hugo Houle - AST s.t.
15  Xandro Meurisse - WGG s.t.
16  Julian Alaphilippe - QST s.t.
17  Lo Vincent - FDJ s.t.
18  Simon Clarke - EFC s.t.
19  Rudy Molard - FDJ s.t.
20  Jay McCarthy - BOH s.t.

CLASSIFICA  GENERALE
1  Daryl Impey - MIT  
2  Michal Kwiatkowski - SKY 02''
3  Gianni Moscon - SKY 05''
4  Bob Jungels - QST 09''
5  Julian Alaphilippe - QST 10''
6  Jens Keukeleire - LTS 11''
7  Jonathan Castroviejo - SKY 11''
8  Brent Bookwalter - BMC 13''
9  Edvald Boasson Hagen - DDD 14''
10  Damiano Caruso - BMC 17''

Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non pu essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio