GT2 / Corsa in linea  

Vuelta a España - 17a tappa

 
12/09/2018 - KM : 157,00  Start List   |   Percorso
 
Getxo Balcon de Bizkaia
  8487_17.jpg  
 
 
 

 SINTESI GARA ORA: 18:06 KM Arrivo: 0

Può finalmente gioire  Michael Woods (EF Education First-Drapac p/b Cannondale) che nella diciassettesima tappa della Vuelta ciclista a España 2018 ha ottenuto la prima vittoria in carriera in un Grande Giro. Lo scalatore canadese si è inserito nell'ormai consueta maxi fuga della prima ora ed ha avuto la meglio nell'ascesa verso Balcon de Bizkaia sui 25 compagni di avventura. Ancora un piazzamento per  Dylan Teuns (BMC Racing Team) che in questa Vuelta ha centrato cinque volte la top five senza mai beccare il bottino pesante; a chiudere il podio di giornata  David De La Cruz (Team Sky). Del gruppo di testa faceva parte anche  Vincenzo Nibali (Bahrain Merida Pro Cycling Team) che ha a lungo duellato con i migliori prima di sfilarsi nel finale e concludere in decima piazza.

Qualche cambiamento in classifica generale:  Simon Yates (Mitchelton-Scott) vede pericolosamente avvicinarsi  Alejandro Valverde che ha recuperato pochi ma preziosi secondi al capofila mentre è crollato l'altro capitano della Movistar,  Nairo Quintana, ormai fuori dai giochi per la maglia rossa.

Nella propria tabella di marcia in vista del Mondiale evidentemente Paolo Slongo aveva consigliato a  Vincenzo Nibali di forzare quest'oggi, perché il siciliano ha spinto a tutta fin dalle primissime battute per portare via la fuga di forza. Assieme allo Squalo si sono avvantaggiati 25 atleti fra cui l'altro papabile azzurro per Innsbruck  Alessandro De Marchi (BMC Racing Team) e altri atleti di spessore come  Bauke Mollema (Trek - Segafredo),  Ilnur Zakarin (Team Katusha - Alpecin),  Thomas De Gendt (Lotto Soudal),  David De La Cruz (Team Sky),  Michael Woods (EF Education First-Drapac p/b Cannondale),  Dylan Teuns (BMC Racing Team),  Omar Fraile Matarranz (Astana Pro Team),  Valerio Conti (UAE Team Emirates) e l'ex maglia rossa  Jesus Herrada Lopez (Cofidis, Solutions Crédits).

Le squadre degli uomini di classifica hanno dato semaforo verde ai fuggitivi il cui margine è schizzato rapidamente oltre gli 8 minuti. Ad animare la corsa dopo il giro di boa hanno pensato i padroni di casa della Euskadi Basque Country - Murias che sulle strade dei Paesi Baschi hanno voluto mettere in mostra le proprie divise portandosi in testa al gruppo. Il lavoro dei gialloneri ha guadagnato oltre 3 minuti ai battistrada lasciando loro comunque un margine sufficiente per giocarsi la tappa lungo gli impervi 7 chilometri che conducono al Balcon de Bizkaia. Nei primi metri di ascesa si è subito rotto il gruppo di testa;  Vincenzo Nibali (Bahrain Merida Pro Cycling Team) ha resistito fino a metà salita prima di perdere le ruote dei migliori. Ai -3 si sono ricompattati al comando  Rafal Majka (BORA - hansgrohe),  David De La Cruz (Team Sky),  Dylan Teuns (BMC Racing Team) e  Michael Woods (EF Education First-Drapac p/b Cannondale) che hanno battagliato per la vittoria. Il belga della BMC ha tentato il tutto per tutto poco dopo il triangolo rosso guadagnando una cinquantina di metri di vantaggio; l'unico in grado di rispondere è stato il canadese in divisa EF che sulle ultime rampe ha ripreso e staccato Teuns concludendo da solo in mezzo ad una fitta nebbia.

Nel frattempo alle loro spalle si è giocata la partita per la classifica generale. La Astana ha scandito un ritmo elevato per favorire  Miguel Angel Lopez, ancora a caccia del primo acuto in questa Vuelta. L'azione del colombiano è arrivata puntuale ai -4 ma gli altri big hanno saputo rispondere. In seguito anche  Alejandro Valverde è scattato ma la maglia rossa  Simon Yates ha trovato il supporto del gemello  Adam Yates che lo ha riportato sul murciano. Il passo scandito dai fratelli britannici è costato caro prima a  Nairo Quintana e poi a  Steven Kruijswijk, staccatisi fra i -3 e i -2. Fra i migliori sono rimasti dunque Yates, Valverde, Lopez e  Enric Mas; soltanto sulle ultimissime pendenze l'Embatido ha aperto il gas assieme al sorprendente connazionale in magli Quick-Step guadagnanto 8'' sulla maglia rossa.

In vista delle ultime quattro tappe - due pianeggianti e due di alta montagna nel Principato di Andorra -  Simon Yates può vantare soltanto 25'' di vantaggio su un agguerrito  Alejandro Valverde. Accesissima anche la lotta per il podio con  Enric Mas,  Miguel Angel Lopez Steven Kruijswijk  e  Nairo Quintana compresi in 50''. Da segnalare l'ennesima giornata nera per  Fabio Aru: l'azzurro della UAE si è presentato con i migliori ai piedi dell'erta finale ma è caduto nell'ultimo settore in discesa. Dopo la caduta il sardo - che ha riportato varie escoriazioni -  si è vistosamente arrabbiato con i tecnici per un guasto alla bicicletta sembrando nel pieno di una crisi di nervi forse più grave anche di quella fisica.







condividi la pagina:
ORDINE  D'ARRIVO
1  Michael Woods - EFC
2  Dylan Teuns - BMC 05''
3  David De La Cruz - SKY 10''
4  Rafal Majka - BOH 13''
5  Ilnur Zakarin - KAT 38''
6  Alessandro De Marchi - BMC 44''
7  Amanuel Gebreigzabhier - DDD 48''
8  Jesus Herrada Lopez - COF 51''
9  Jai Hindley - SUN 55''
10  Vincenzo Nibali - TBM 01' 48''
11  Stephane Rossetto - COF 01' 48''
12  Merhawi Kudus - DDD 01' 51''
13  Jonathan Castroviejo - SKY 01' 57''
14  Enric Mas - QST 02' 40''
15  Alejandro Valverde - MOV 02' 40''
16  Héctor Saez - EUS 02' 44''
17  Simon Yates - MIT 02' 48''
18  Miguel Angel Lopez - AST 02' 50''
19  Omar Fraile Matarranz - AST 02' 52''
20  Cristian Rodriguez Martin - CJR 02' 53''

CLASSIFICA  GENERALE
1  Simon Yates - MIT  
2  Alejandro Valverde - MOV 25''
3  Enric Mas - QST 01' 22''
4  Miguel Angel Benito Diez - CJR 01' 36''
5  Steven Kruijswijk - TLJ 01' 48''
6  Nairo Quintana - MOV 02' 11''
7  Jon Izagirre Insausti - TBM 04' 09''
8  Rigoberto Uran - EFC 04' 36''
9  Thibaut Pinot - FDJ 05' 31''
10  Tony Gallopin - ALM 06' 05''

Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio