GT1 / Corsa in linea  

Tour de France - 17a tappa

 
24/07/2019 - KM : 206,00  Start List
 
Pont du Gard Gap
   
 
 
 

 SINTESI GARA ORA: 17:03 KM Arrivo: 0

Lo possiamo dire senza remore: oggi, sulle strade del Tour de France, nel corso della diciassettesima tappa, 200 chilometri da Pont du Gard a Gap, Matteo Trentin (Mitchelton-Scott), campione europeo, ha fatto un vero e proprio numero. Vittoria a braccia alzate dopo una lunghissima fuga, inizialmente con altri 32 uomini, in solitaria nei chilometri finali, per il suo terzo successo nella corsa a tappe franceee. Sesta vittoria italiana sul traguardo di Gap nella storia del Tour de France. In seconda posizione, a 37", ha chiuso Kasper Asgreen (Deceuninck-Quick Step), terzo a 41", invece, Greg Van Avermaet (CCC Team). Tutti gli altri uomini della fuga di mattina sono arrivati alla spicciolata sul traguardo, oggi rovente, di tappa. Il gruppo arriva poco più di 20' dopo senza particolari stravolgimenti di gara. Buona notizia per Xandro Meurisse (Wanty Groupe Gobert) che grazie al margine conseguito con l'attacco di giornata, stasera, rientra nella top quindici in classifica generale. 

Il via da Pont di Gard, in uno scenario monumentale è naturale unico, avviene alle 12:40. Le costanti sono date anche oggi dal caldo e dall'afa: la classica canicule francese. Già da ieri si parlava di tappa adatta alla fuga, un vociare in crescendo. La fuga arriva. Dalle prime pedalate molti provano a sorprender il plotone per cogliere una vittoria nella corsa più importante del mondo: con l'arrivo delle Alpi nella giornata di domani per molti atleti, oggi, potrebbe essere l'ultima possibilità. All'avventura riescono ad andare in trentatré, ecco i loro nomi: Daniel Oss e Lukas Pöstlberger (Bora-Hansgrohe), Kasper Asgreen (Deceuninck-Quick Step), Alexis Gougeard (Ag2r La Mondiale), Dylan Teuns (Bahrain-Merida), Nelson Oliveira (Movistar), Omar Fraile, Gorka Izagirre e Magnus Cort Nielsen (Astana), Simon Clarke e Tom Scully (EF Education First), Chris Juul-Jensen e Matteo Trentin (Mitchelton-Scott), Greg van Avermaet e Michael Schär (CCC), Sven Erik Bystrom, Rui Costa, Sergio Henao e Vegard Stake Laengen (UAE Team Emirates), Bauke Mollema, Thomas Skujins e Jasper Stuyven (Trek-Segafredo), Nicolas Roche (Sunweb), Natnael Berhane, Jesús Herrada, Anthony Pérez e Pierre-Luc Périchon (Cofidis), Thomas de Gendt e Jens Keukeleire (Lotto-Soudal), Nils Politt (Katusha-Alpecin), Xandro Meurisse e Andrea Pasqualon (Wanty-Groupe Gobert), Edvald Boasson Hagen e Ben King (Dimension Data).

Il plotone, dopo un iniziale tira e molla, deve arrendersi. Anzi forse vuole proprio arrendersi. Pensiamo che il vantaggio degli attaccanti arriva in breve a toccare i 10' e nel corso della seconda parte di tappa raddoppia fino a superare i 20'. Davanti sono consapevoli di quel vecchio detto secondo cui l'unione fa la forza e vanno via compatti per tantissimi chilometri: la selezione del resto è attesa nel finale, il punto decisivo dovrebbe essere il Col de la Sentinelle, Gpm di terza categoria a 8,5 chilometri dalla conclusione. Il primo Gpm di giornata, invece, è poca cosa dal punto di vista altimetrico, ed è fatto proprio da un uomo poliedrico, un artista della bicicletta, quale Thomas De Gendt. Nel frattempo il caldo è interrotto per qualche istante da un temporale estivo in piena regola che si abbatte sulla corsa. 

Ai meno 35 chilometri dal traguardo l'armonia si spezza e iniziano i primi scatti. Dal plotoncino di testa si avvantaggiano in undici: Trentin, Oss, Bystrom, Izagirre, Van Avermaet, Skujins, Perichon, King, Laengen, Asgreen, Perichon. Gli addetti ai lavori e gli appassionati, a questo punto, non possono non notare la brillantezza di Matteo Trentin: niente tecnologia, niente cardiofrequenzimetro in gara, caldo assurdo, un sacco di borracce svuotare in testa per rinfrescarsi ma una gamba assolutamente superiore. È così che sull'ultima salita, il Col de la Sentinelle, Matteo Trentin parte e fa il vuoto. Dietro provano a reagire ma non c'è nulla da fare: Asgreen e Van Avermaet sono bravi ma non possono fare altro che inseguire. Vedere Matteo Trentin attaccare è un piacere assoluto: dieci, venti, trenta, quaranta secondi, la salita che finisce, la discesa a tutta e la picchiata verso Gap a braccia levate al cielo. Un successo che vale doppio dopo la parziale delusione di Bagneres di Bigorre, quando a vincere è stato il compagno Simon Yates, e dopo un Tour corso a tutta, sempre nelle prime posizioni nelle tappe a lui congeniali. Secondo giunge Asgreen, terzo Van Avermaet. Il plotone giunge tranquillamente a 20'10" pilotato proprio dalla maglia gialla di Julian Alaphilippe che mantiene la maglia gialla con distacchi immutati su Geraint Thomas (Team Ineos) e su Steven Kruijswijk (Team Jumbo Visma). 

Tappa entusiasmante soprattutto per i colori azzurri. L'entusiasmo per la Grand Boucle sará ancora di più da domani; la diciottesima tappa, 208 chilometri da Embrun a Valloire, è infatti la prima delle tre frazioni alpine da qui a sabato. Gli atleti dovranno affrontare tre giganti: Vars, Izoard, Galibier. Dopo il Galibier discesa e arrivo a Valloire. Lo spettacolo è assicurato. 







condividi la pagina:
ORDINE  D'ARRIVO
1  Matteo Trentin - ORS
2  Kasper Asgreen - DQS 37''
3  Greg Van Avermaet - CCC 41''
4  Bauke Mollema - TFS 41''
5  Dylan Teuns - TBM 41''
6  Gorka Izagirre Insausti - AST 41''
7  Daniel Oss - BOH 44''
8  Pierre-Luc Perichon - COF 50''
9  Toms Skujins - TFS 50''
10  Jesus Herrada Lopez - COF 55''
11  Simon Clarke - CDT 01' 23''
12  Lukas Postlberger - BOH 01' 23''
13  Edvald Boasson Hagen - DDD 01' 26''
14  Vegard Stake Laengen - UAE 01' 26''
15  Sergio Luis Henao - UAE 01' 35''
16  Nicolas Roche - SUN 01' 44''
17  Benjamin King - DDD 02' 53''
18  Jasper Stuyven - TFS 02' 53''
19  Sven Erik Bystrom - UAE 02' 53''
20  Xandro Meurisse - WGG 02' 53''

CLASSIFICA  GENERALE
1  Julian Alaphilippe - DQS  
2  Geraint Thomas - INS 01' 35''
3  Steven Kruijswijk - TJV 01' 47''
4  Thibaut Pinot - FDJ 01' 50''
5  Egan Bernal - INS 02' 02''
6  Emanuel Buchmann - BOH 02' 14''
7  Mikel Landa - MOV 04' 54''
8  Alejandro Valverde - MOV 05' 00''
9  Rigoberto Uran - CDT 05' 33''
10  Richie Porte - TFS 06' 30''

Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non pu essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio