Dwars door Vlaanderen 2016
Nonostante gli attentati di Bruxelles si corre in Belgio: favoriti e percorso della Dwars door Vlaanderen

Nonostante gli attentati di Bruxelles si corre in Belgio: favoriti e percorso della Dwars door Vlaanderen

(foto: Bettini)

condividi la pagina:

Dopo l'antipasto di febbraio con Omloop e Le Samyn la Campagna del nord entra nel vivo con la Dwars door Vlsanderen di mercoledì 23 marzo. Lo svolgimento della Attraverso le Fiandre è stato in bilico a causa degli attentati di Bruxelles, ma la società Flanders Classics che organizza la manifestazione non ha voluto far saltare una delle corsa che per i fiamminghi sono ben più di un evento sportivo.

La corsa fiamminga si svolge a sole 48 ore da Harelbeke, la prima corsa del WorldTour sul pavé, e per questo è considerata la prova generale in vista delle classicissime. Gli organizzatori possono vantare una startlist di assoluto livello con ben 11 formazioni di prima categoria sulle 23 iscritte.

Il percorso

La Dwars perde 500 metri di lunghezza scendendo dunque sotto i 200 chilometri totali (da 200.2 a 199.7). La corsa si svolgerà ancora lungo le strade delle Fiandre come un serpente attorcigliato intorno alla sede di arrivo, Waregem.

La prima metà di gara è la più semplice, dal momento che il primo muro che i corridori incontreranno (Nieuwe Kwaremont) è posto al chilometro 92. La prima fase calda si avrà fra i -88 e i -70, quando ci saranno da affrontare 5 côté in 17 chilometri: Kattenberg, Leberg, Berendries e Valkenberg. In seguito gli atleti avranno una quindicina di chilometri per rifocillarsi e riprendere fiato prima di un carosello classico anche per il Giro delle Fiandre; ci saranno da affrontare in rapida successione Eikenberg, Taaienberg e l'accoppiata da leggenda composta da Oude-Kwaremont e Paterberg.

A questo punto gli organizzatori hanno apportato una modifica sostanziale al percorso aggiungendo il muro di Vossenhol. Invariato invece il finale con l'Holstraat ai -15 e il conclusivo  Nokereberg ai -8.

Questo l'ordine completo dei muri:il

1 Nieuwe Kwaremont km 92
2 Kattenberg km 112
3 Leberg km 120
4 Berendries km 124
5 Valkenberg km 129
6 Eikenberg km 142
7 Taaienberg km 148
8 Oude-Kwaremont km 166  
9 Paterberg km 169
10 Vossenhol km 180
11 Holstraat km 184
12 Nokereberg km 192

I favoriti

Dopo la vittoria del 2015 Jelle Wallays si presenta di nuovo ai nastri di partenza per tentare l'impresa mai riuscita a nessuno, vincere per due volte consecutive la Dwars Dor Vlaanderen. Quest'anno il ventisettenne fiammingo potrà contare su una squadra molto competitiva, e questo potrebbe spingerlo o frenarlo: da una parte la Lotto Soudal ha la forza per tenerlo davanti, dall'altra solo nelle fasi finali si capirà se il capitano è Wallays o uno fra il giovanissimo prodigio Tiesj Benoot e il velocista Jens Debusherre.

Altra formazione molto quotata è la Etixx-Quickstep; la squadra di Levevre schiera il due volte vincitore della Dwars (2014 e 2012) Niki Terpstra. Al fianco del belga ci sarà quel Tony Martin che ha deciso di sacrificare in parte le proprie doti di cronoman per specializzarsi sulle corse del pavé. Attenzione anche a Fernando Gaviria, grande protagonista dell'ultima Sanremo.

In assenza di Cancellara in casa Trek la Dwars sarà l'occasione per le mezze punte di mettersi in mostra. Il capitano designato sarà Jasper Stuyven, che in stagione si è imposto a Kuurne, ma i nostri Niccolo Bonifazio e Giacomo Nizzolo sperano in una corsa poco selettiva per giocarsi il successo allo sprinti.

Capitano unico invece in casa BMC, e che capitano: dopo l'ottimo avvio di stagione torna nelle amate Fiandre Greg Van Avermaet; il vincitore della Tirreno 2016 sembra aver disdetto l'annoso abbonamento con i piazzamenti, pur correndo con la classe e la tenacia da sempre dimostrate.

Libera uscita in casa TInkoff per Oscar Gatto; il veneto di Montebelluna è stato nel 2013 il primo italiano a vincere questa corsa, e in assenza di Peter Sagan potrà far valere la buona gamba mostrata in questo inizio di 2016. Un altro italiano da cui attendersi molto è Filippo Pozzato, un po' a sorpresa ottavo alla Classicissima. Il vicentino è da sempre specialista del pavé e con la condizione dei giorni migliori potrebbe togliersi le ultime soddisfazioni. Occhi puntati anche su Marco Marcato, capitano di una squadra - la Wanty Groupe Gobert - che alle corse di casa tiene in particolar modo.

Altri profili da tenere sott'occhio, soprattutto in caso di volata a ranghi più o meno ristretti sono quelli di Juan José Lobato (Movistar), Jens Keukeleire (Orica-GreenEDGE), Moreno Hofland e Dylan Groenewegen (LottoNL-Jumbo), Leigh Howard (IAM CYcling) e Yauheni Hutarovich (Fortuneo-Vital Concept).





21/03/2016

Matteo Pierucci


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio