Parole a pedali
Parole a pedali. Limando centesimi di secondo con Letizia Brufani

Parole a pedali. Limando centesimi di secondo con Letizia Brufani
condividi la pagina:

“Abito a Foligno, una cittadina in provincia di Perugia, in una vallata meravigliosa dove il ciclismo é facilmente praticabile. Molte strade sono poco trafficate e andare in bici non risulta un grande problema. In più fare attività fuori casa diventa più bello quando si ha un panorama del genere intorno a sé.”

Parte dalla sua terra, l’Umbria, questa pedalata con Letizia Brufani, curiosando nella sua bella avventura sulle due ruote che l’ha vista splendere ed indossare il tricolore CX nel 2018 e fare il suo esordio in maglia azzurra proprio lo scorso novembre ai Campionati Europei di Silvelle.

La junior classe 2002, che sta sfidando le insidie del ciclocross con i colori della squadra laziale Race Mountain Folcarelli team, in attesa della nuova stagione con il Team trevigiano Lady Zuliani, da qualche anno si divide tra strada e fango: la sua passione.

 

 

"Finalmente la mia prima gara in maglia azzurra!" - sono le tue parole a proposito della tua convocazione agli scorsi Europei di Ciclocross. Che cosa ha significato per te e com'è stato vestire la maglia azzurra?

“Vestire la maglia azzurra é sempre una grande emozione, soprattutto la prima volta. É una cosa che ogni atleta sogna sin da quando inizia a praticare uno sport e raggiunge questo obiettivo spesso richiede molto tempo. Ma se si fa parte della Nazionale proprio agli Europei di casa si é ripagati a pieno!”

 

Obiettivo e tempo. Possiamo dire che lo sport sia un compromesso tra questi due fattori?

“Esattamente, lo sport, soprattutto a livello agonistico, richiede molto tempo; bisogna gestirlo nella maniera più ottimale possibile selezionando delle date che saranno poi gli obiettivi da raggiungere.

Non é certo facile e più si sale di categoria, più diventa difficile. In più c'é anche la scuola che non si può trascurare.”

 

Cosa studi?

“Frequento il liceo scientifico con indirizzo sportivo.

Mi piace, l'ho scelto perché vorrei continuare gli studi in ambito sportivo, anche se secondo me la materia più importante é inglese, e fortunatamente mi piace molto.

Mi piacerebbe andare all'estero soprattutto per gareggiare, per confrontarmi con atlete di altre Nazioni e arricchirmi di esperienza. Per fare questo é quasi obbligatorio sapere l'inglese.”

 

Quanto conta il talento nella vita e quanto conta nel ciclismo?

“Il talento é ciò che differenzia un fuoriclasse da tutti gli altri, nello sport é importantissimo. Nella vita conta un po' meno, ma averlo non fa mai male, può migliorare ogni piccola cosa quotidiana.”

 

Ti senti un talento come in tanti ti definisco?

“Beh, per esserlo devo ancora migliorare molto, ma ci posso arrivare!”

 

Delle varie discipline ciclistiche quale/e preferisci e perché?

“Pratico strada e ciclocross, ed é proprio quest'ultima che preferisco. La strada é molto monotona, spesso si può dire che contano solo gli ultimi chilometri di una gara. Invece il ciclocross é più movimentato, ogni pedalata può fare la differenza, una curva fatta in un certo modo o un tratto tecnico affrontato diversamente; si deve limare ogni centesimo di secondo. Il ciclocross é più appassionante, si può seguire una gara senza mai annoiarsi, ci sono mille colpi di scena e non c'é mai niente da dare per scontato.”

 

Sicurezza e ciclismo. Il tuo pensiero e un messaggio su questo importante problema

“Purtroppo é diventato sempre più pericoloso allenarsi per strada, i guidatori dovrebbero stare più attenti e rispettare il codice della strada, invece di distrarsi con lo smartphone.

Anche se ci sono gruppi di ciclisti a cui non importa nulla e invadono gran parte della corsia, altri invece cercano sempre di dare il meno "fastidio" possibile, ma purtroppo siamo visti tutti allo stesso modo, dei 'cafoni che si credono di essere i re della strada'. Non é così. Gli indisciplinati ci sono e dovrebbero cambiare, ma là fuori si allenano anche ragazzi che vorrebbero avere un futuro come ciclisti. Perché dovreste togliergli la possibilità di diventarlo?”


 

Foto credit: Alessandro Di Donato | Valentina Barzi







13/01/2020

Ilenia Milanese


condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non pu essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio