Adriatica Ionica Race 2018
Prende forma la prima edizione: percorso variegato con il Giau, 5 squadre World Tour al via

Prende forma la prima edizione: percorso variegato con il Giau, 5 squadre World Tour al via
condividi la pagina:

Sono stati finalmente tolti i veli sulla Adriatica Ionica Race, la novità del calendario italiano che dal 20 al 24 giugno metterà in scena la prima edizione. Ideatore e attuatore del progetto è Moreno Argentin, che con una punta di orgoglio ha presentato questa mattina la propria creatura presso la sede della giunta della Regione Veneto a Venezia.

Percorso variegato per questa prima edizione che si svolgerà in cinque tappe. Si comincia con una cronometro a squadre di 23.3 da Musile del Piave a Lido di Jesolo, su un tracciato completamente pianeggiante che in alcuni tratti sfrutta la Ciclabile del Piave. Il giorno seguente i corridori ripartiranno da Lido di Jesolo per giungere a Maser dopo 152.5 chilometri ondulati compresi due passaggi a Asolo

La frazione regina sarà la terza, un vero e proprio tappone dolomitico di 158 chilometri con i passaggi in vetta a Passo Rolle e Passo Valles prima del traguardo posto in vetta al mitico Passo Giau. La classifica generale difficilmente cambierà nella quarta tappa che, benché molto lunga (229 chilometri da San Vito di Cadore a Grado) presenta una sola salita a inizio giornata; da segnalare però la presenza di due tratti in sterrato che renderanno più imprevedibile l'epilogo. La giornata conclusiva prevede un circuito nel cuore di Trieste da ripetere 8 volte; in questo anello a che una salitella che creerà più di qualche grattacapo a tutti gli atleti in corsa.

Annunciati anche i nomi dei team che prenderanno parte all'evento. Soddisfacente il numero delle formazioni World Tour iscritte, cinque: Bahrain-Merida, Quick-Step, Dimension Data, Trek-Segafrdo e UAE Team Emirates. Alle compagini di serie A saranno affiancati nove team Professional fra cui le quattro immancabili squadre italiane che si giocheranno punti preziosi per la Ciclismo Cup.

L’idea di una corsa a tappe può sembrare folle – spiega Argentin –, ma noi vogliamo offrire un prodotto di qualità che sia anche originale e sappia distinguersi dalle altre gare. Il nostro progetto intende servire territori ed eccellenze del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, ma va in cerca anche di strade nuove. Nell’arco di cinque anni abbiamo l’ambizione di approdare in Grecia, ad Atene, attraversando Austria, Croazia, Montenegro, Bosnia, Macedonia, Albania. Seguendo le rotte e la storia della Serenissima Repubblica di Venezia, l’Adriatica Ionica Race vuole gettare un ponte verso Est e promuovere i valori di condivisione e unione dei popoli nel nome del ciclismo”.







23/04/2018

Matteo Pierucci


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio