Ciclocross 2018/19
Addio con vittoria di Pauwels ad Ostmalle, Aerts piazza l'ultimo lampo dell'inverno nel GP Leuven

Addio con vittoria di Pauwels ad Ostmalle, Aerts piazza l'ultimo lampo dell'inverno nel GP Leuven
condividi la pagina:

Non poteva esserci un commiato migliore per la stagione 2018/19 di ciclocross, conclusasi con delle gare intense e cariche sia a livello agonistico che emotivo. L’ultimo weekend di competizioni dell’inverno rimarrà infatti nel cuore degli appassionati per la piccola grande impresa di Kevin Pauwels, che domenica ad Ostmalle ha saputo trionfare nell’ultima corsa della sua decennale carriera. Il 34enne di Kalmthout ha concluso con una giornata da favola un percorso partito all’inizio del millennio, nel corso del quale si è misurato con almeno due generazioni di campioni della specialità, portando a casa anche due successi nella generale di Coppa del Mondo e ben 5 bronzi iridati. Il successo nel tradizionale appuntamento di chiusura del calendario internazionale è arrivato ai di Toon Aerts, protagonista il giorno prima di un serrato GP Leuven, vinto soltanto allo sprint ai danni di Tom Meeusen.

 

Tipica domenica di transizione tra inverno e primavera ad Ostmalle, lungo in circuito, reso oltremodo polveroso dal clima mite e secco di questi giorni in Belgio, caratterizzato da diversi passaggi sabbiosi. Kevin Pauwels lascia intendere da subito di voler onorare al massimo la sua ultima recita nel circus, lanciandosi in un affondo solitario al termino della tornata inaugurale dopo aver seguito in partenza un pimpante Thijs Aerts. L’azione dell’alfiere della Marlux-Bingoal si rivela essere tutt’altro che un fuoco di paglia e gli unici ad avere la gamba per gettarsi nella rincorsa sono Toon Aerts e Tom Meeusen. I due contrattaccanti si riportano sotto nel 2° giro, mentre per il resto della compagnia, invischiata nei tatticismi del folto gruppo inseguitore, arriva presto il momento di rinunciare alle ambizioni da podio. La situazione rimane quindi cristallizzata fino alla 6° tornata, quando è Aerts a sferzare il terzetto di testa con una rasoiata delle sue. L’assalto del campione belga provoca il cedimento di Meeusen, ma impatta contro la ferrea opposizione di Pauwels, che va addirittura a prendere il controllo delle operazioni nel giro successivo. L’esperto atleta fiammingo trova a sorpresa campo libero a causa di una scivolata di Aerts in una curva verso sinistra, cogliendo al volo l’opportunità di mettere più secondi possibili tra sé ed il rivale. Nonostante il fiato sul sollo di Aerts il battistrada non perde la lucidità per tutta la tornata conclusiva, difendendosi in maniera oltremodo brillante. Pauwels corona così il suo addio alle competizioni con una vittoria di assoluto spessore tecnico, mentre Aerts chiude al 2° posto davanti a Meeusen.

 

Ultima gara della carriera ed ultima esultanza per Kevin Pauwels, che ad Ostmalle si è regalato una vittoria di quelle indimenticabili.

 

 

La gara di Ostmalle è stata preceduta dal GP Leuven di sabato, ultimo atto delle Soudal Classics, segnalatosi tra le prove più divertenti ed incerte di tutta la stagione, grazie anche all’assenza di un Mathieu Van der Poel nel frattempo già vittorioso, alla sua prima uscita su strada, nella frazione inaugurale del Tour of Antalya. Quando si arriva al crepuscolo dell’annata contano in primis le motivazioni e infatti è Michael Vanthourenhout, ancora a secco di vittorie, ad aggredire la corsa con un attacco deciso nel 2° giro. Il tracciato veloce non è tuttavia favorevole allo sviluppo di un assolo a lunga gittata ed il fuggitivo viene infatti raggiunto nella 4° tornata da Toon Aerts, all’opera in prima persona per ricucire, Laurens Sweeck e Lars Van Der Haar. Nel quartetto di testa si procede a strappi, provocati in primis dalle fiammate del campione belga, senza però che si sviluppi una definitiva selezione. Le sgasate di Aerts si placano nel 7° giro, a causa anche di un problema allo scarpino di quest’ultimo, con il relativo rallentamento che favorisce pure i rientri di Tom Meeusen e Jim Aernouts. La netta superiorità numerica nel trenino al comando, rimasto nel frattempo orfano di uno Sweeck appiedato da un blocco alla catena, consente ai Telenet Fidea di giocare di tattica e di provare delle sortite a turno, che costringono Vanthourenhout agli straordinari nelle vesti di stopper. Il più lesto a leggere la situazione è tuttavia Meeusen, bravo prima ad accodarsi ad un attacco di Aernouts al termine del penultimo giro e poi a lanciarsi in contropiede, in corrispondenza dell’attraversamento dei dossi, non appena rientrati gli inseguitori. L’onere di chiudere spetta stavolta ad Aerts, che completa il riaggancio a pochi metri dall’imbocco del tratto finale in asfalto, andando ad approcciare in testa la retta d’arrivo. Nonostante la posizione di vantaggio Meeusen viene tuttavia respinto dal veemente sprint dell’atleta di Malle, che strappa così di carattere una vittoria più sofferta rispetto a quanto fatto vedere in gara. Completa il podio infine un Van Der Haar rapace nell’approfittare nel finale degli affanni di Vanthourenhout, andato in riserva a seguito dei tanti sforzi fatti in precedenza in chiave difensiva.

 

Finale da batticuore e sprint amaro per Tom Meeusen al GP Leuven, costretto ad arrendersi di fronte alla potenza di Toon Aerts.

 

  

Tra le donne chiude invece la stagione in bellezza Denise Betsema, che ha strappato due affermazioni anche piuttosto larghe in termini di gap. Con quest’ultima doppietta la neerlandese della Marlux Bingoal si è confermata l’atleta più vincente di questo inverno, con 15 successi distribuiti in ben 5 differenti nazioni. Sia ad Ostmalle che a Leuven il podio è stato completato, pur in ordine inverso di posizioni, da Loes Sels ed Annemarie Worst, tra le poche rimaste con buone energie da spendere nella parentesi post-mondiale.

 

Denise Betsema non ha sbagliato un colpo negli ultimi weekend della stagione. Ad Ostmalle l’olandese ha chiuso una striscia di 4 successi consecutivi.

 

 

ORDINE D’ARRIVO SLUITINGPRIJS OSTMALLE-GARA M:

1. Kevin Pauwels BEL (Marlux-Bingoal)  
2. Toon Aerts BEL (Telenet Fidea)  a 8’’
3. Tom Meeusen BEL (Corendon-Circus)  a 11‘’
4. Lars Van Der Haar NED (Telenet Fidea)  a 24’’
5. Laurens Sweeck BEL (Pauwels Sauzen-Vastgoedservice)  a 44’’
 
ORDINE D’ARRIVO SOUDAL CLASSICS LEUVEN-GARA M:
 
1. Toon Aerts BEL (Telenet Fidea)
2. Tom Meeusen BEL (Corendon-Circus)  ‘’
3. Lars Van Der Haar NED (Telenet Fidea)  a 13’’
4. Michael Vanthourenhout BEL (Marlux-Bingoal)  a 17’’
5. Jim Aernouts BEL (Telenet Fidea)  a 22’’
 
ORDINE D’ARRIVO SLUITINGPRIJS OSTMALLE-GARA F:
 
1. Denise Betsema NED (Marlux-Bingoal)  
2. Annemarie Worst NED (Steylaerts-777)  a 32’’
3. Loes Sels BEL (Pauwels Sauzen-Vastgoedservice)  ’’
4. Yara Kastelijn NED (Steylaerts-777)  a 47’’
5. Laura Verdonschot BEL (Marlux-Bingoal)  a 57’’
12. Alice Maria Arzuffi ITA (Steylaerts-777)  a 2’43‘’

ORDINE D’ARRIVO SOUDAL CLASSICS LEUVEN-GARA F:
 
1. Denise Betsema NED (Marlux-Bingoal)  
2. Loes Sels BEL (Pauwels Sauzen-Vastgoedservice)  a 22’’
3. Annemarie Worst NED (Steylaerts-777)  a 51’’
4. Ellen Van Loy BEL (Telenet Fidea)  a 1’32’’
5. Yara Kastelijn NED (Steylaerts-777)  a 1’40’’
9. Alice Maria Arzuffi ITA (Steylaerts-777)  a 2’26‘’




26/02/2019

Marco Bea


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio