Ciclocross 2018/19
Lectio magistralis di Van der Poel a Bruxelles, Dorigoni e Teocchi a segno nella festa rosa di Capannelle

Lectio magistralis di Van der Poel a Bruxelles, Dorigoni e Teocchi a segno nella festa rosa di Capannelle
condividi la pagina:

Arriva anche il tocco accademico per Mathieu Van der Poel, salito in cattedra anche nella ricca Epifania di ciclocross. Nella giornata di domenica il fenomeno di Kapellen ha infatti distribuito carbone a tutti i rivali nell’inedita tappa di Bruxelles del DVV Trofee, ospitata nei giardini del campus della Vrije Universiteit. Il pallottoliere segna dunque 23 successi stagionali per il neerlandese, che in questo weekend non si è tuttavia dovuto misurare con Wout Van Aert, impegnato in maniera vittoriosa in Francia, nel Cyclo-cross La Meziere. Nel nostro paese la calza della Befana ha invece riservato una collezione di maglie rosa e qualche ferro di cavallo, con l’ippodromo romano delle Capannelle che ha fatto da teatro al round conclusivo del Giro d’Italia. Nel veloce circuito capitolino si sono imposti, per quel che concerne le categorie principali, Jakob Dorigoni e Chiara Teocchi, mentre Antonio Folcarelli e Sara Casasola hanno brindato al trionfo nella rassegna.

 

Scenario urbano ma tracciato interessante e tecnicamente valido a Bruxelles, tra strappi continui ed un terreno a tratti piuttosto viscido. L’intuizione degli organizzatori viene premiata anche dall’ottima risposta del pubblico della capitale, accorso in buon numero per assistere all’ennesimo show di Mathieu Van der Poel, reduce dal successo di Gullegem del giorno precedente. Il campione europeo non tradisce le attese e prende il largo già al termine della tornata inaugurale, con l’intenzione di chiudere definitivamente la partita anche per la generale del DVV. La reazione di orgoglio di Toon Aerts, salito di colpi da metà gara in poi, serve soltanto a non far tracimare il passivo, con il belga che chiude a 45’’ dal vincitore, davanti ad altro habitué del podio come Michael Vanthourenhout. Dopo aver operato il soprasso il primo dell’anno a Baal Van der Poel allunga quindi di 58’’ in classifica nei confronti di Aerts,che per ribaltare la situazione nell’ultima manche di Lille, in programma ad inizio febbraio, dovrà ora appellarsi ad una clamorosa impresa o all’aiuto della dea bendata. Da segnalare anche la prestazione di spessore del nostro Gioele Bertolini, tra i pochi azzurri ad aver scelto il Belgio per la messa a punto finale in vista dei campionati nazionali. Il valtellinese ha fatto un ulteriore passo in avanti rispetto alle uscite del periodo natalizio, chiudendo con un 9° posto che lo proietta come favorito numero uno della rassegna tricolore dell’Idroscalo. Il grande assente a Bruxelles è stato invece Wout Van Aert, che ha preferito ripiegare sui lidi transalpini del Cyclo-cross La Meziere. In terra bretone l’iridato ha comunque sfornato una prova convincente, siglando un successo, il 3° stagionale, piuttosto largo in termini di distacchi. Al 2° posto si è issato il beniamino di casa Clement Venturini, protagonista di una toccata e fuga del ciclocross in preparazione degli impegni su strada, mentre il gradino più basso del podio è stato appannaggio di Quinten Hermans.

 

Tra i trofei di Mathieu Van der Poel, qui sul podio su Bruxelles insieme a Toon Aerts e Michael Vanthourenhout, mancava soltanto il tocco di laurea, premio speciale per i primi 3 di ciascuna competizione. (foto Golazo)

 

 

Il DVV Trofee si è confermato invece un’ideale cartina tornasole dell’attuale equilibrio in campo femminile, con 7 vincitrici differenti in altrettante prove. A Bruxelles è stato il turno di Ceylin Del Carmen Alvarado, che si è regalata il successo grazie ad un notevole assolo. Loes Sels ha invece approfittato della giornata negativa di Sanne Cant, solo 7° al traguardo, per rosicchiare parte del suo gap nella generale. La portacolori della Pauwels Sauzen-Vastgoedservice, 2° di tappa davanti a Laura Verdonschot, viaggia ora in classifica con un ritardo di 1’22’’ dall’iridata, che non dovrebbe comunque correre particolari pericoli nell’atto finale di Lille. Accenni di ripresa infine dalla nostra Alice Maria Arzuffi, che ha concluso al 6° posto nonostante l’handicap di una foratura nelle fasi iniziali della corsa.

 

Nel giorno dell’Epifania si è consumato anche l’epilogo dell’edizione 2018/19 del Giro d’Italia Ciclocross, in una location consolidata e funzionale come l’Ippodromo delle Capannelle di Roma. La kermesse conclusiva della manifestazione si è svolta su un tracciato oltremodo veloce ed asciutto, ideale per non sovraccaricare troppo gli atleti ed i mezzi meccanici ad una settimana di distanza dai campionati italiani. La giornata è stata dunque scandita da gare piuttosto tattiche, in cui risultava fondamentale, in ottica vittoria, l’interpretazione dell’ultima tornata e l’ingresso nella breve retta d’arrivo, anticipata da una curva secca verso sinistra. L’esito in uno sprint ristretto non ha risparmiato neanche la gara open maschile, dove Jakob Dorigoni ha regolato, grazie ad un ingresso deciso nella virata finale, Cristian Cominelli e Nadir Colledani, entrambi tra i più attivi nel tentativo di selezionare il drappello di testa. Settima piazza invece per la maglia rosa Antonio Folcarelli, che si è limitato a controllare il suo rivale più diretto Matteo Vidoni per la conquista del primato in classifica. Direttamente dalla zona del podio abbiamo raccolto la testimonianza di Nadir Colledani, che ci ha dato la sua chiave di lettura sia della questo impegno capitolino, specie in ottica Idroscalo, che della sua stagione invernale: “La gara è stata molto veloce e fin troppo tattica per i miei gusti. Nel finale me la sono giocata bene, ma Jakob è stato un po’ furbo e deciso di me. Nell’ultima curva mi ha chiuso la porta e mi sono ritrovato tutto all’esterno, sfiorando anche la caduta. Sono uno a cui piace lottare solo con le proprie gambe e in queste situazioni preferisco non rischiare qualche incidente. Sono comunque contento della condizione attuale e punterò sicuramente a rifarmi da domenica. Mi sono approcciato a questo inverno in maniera molto serena, ma alla fine sono arrivati anche degli ottimi risultati. Penso che il mio sia stato un buon rodaggio in vista della stagione in MTB, alla quale mi dedicherò dopo gli italiani. Le previsioni non sembrano indirizzarsi verso il maltempo e quindi mi aspetto una gara molto rapida anche all’Idroscalo. Personalmente spero ci sia almeno un po’ di nebbia, in modo da rendere il percorso più selettivo e difficile da guidare”.

 

Jakob Dorigoni esulta sulla retta dell’Ippodromo di Capannelle. Finale da rodeo per la gara maschile, risoltasi con una volata a 5. (foto Giro d’Italia Ciclocross)

 

 

Un po’ più di selezione nella prova open femminile, vinta da Chiara Teocchi dopo un bel testa a testa con Silvia Persico. Le due protagoniste di giornata sono riuscite a fare la differenza a 3 tornate dal termine, con la portacolori della Bianchi Countervail che, dopo aver condotto il trenino delle migliori sin dallo sparo del via, si è fatta valere con brillantezza anche nelle battute conclusive. È servito invece il fotofinish per decretare il 3° posto di Francesca Baroni, brava a bruciare sulla linea Alessia Bulleri. Gara di pura amministrazione infine per la maglia rosa Sara Casasola, già quasi certa a livello aritmetico del successo nella generale, che ha chiuso al 5° posto. A ridosso della cerimonia protocollare abbiamo scambiato qualche rapida battuta con Chiara Teocchi, che ci ha descritto così la sua corsa: “Sono molto soddisfatta di questo mio ultimo impegno prima dei campionati italiani. Quest’anno ho ridotto un po’ la mia attività nel ciclocross, ma ci tenevo comunque molto ad essere al via qua a Roma. Il percorso era davvero velocissimo, a tal punto che la media finale è stata intorno ai 25 km/h. In testa alla corsa si è formato da subito un quintetto e io Silvia abbiamo portato un bell’attacco nel terzultimo giro, per poi giocarcela allo sprint. Credo di aver lavorato al meglio nelle ultime settimane per fare una bella prova anche all’Idroscalo. Adesso non ci resta che incrociare le dita in vista della prossima settimana”.

 

Chiara Teocchi guida il trenino di testa nel primo giro della prova femminile. Alle sue spalle la maglia rosa di Sara Casasola. (foto Giro d’Italia Ciclocross)

 

 

ORDINE D’ARRIVO DVV TROFEE BRUXELLES-GARA M:

1. Mathieu Van der Poel NED (Corendon-Circus)
2. Toon Aerts BEL (Telenet Fidea)  a 45’’
3. Michael Vanthourenhout BEL (Marlux-Bingoal)  a 58’’
4. Lars Van Der Haar NED (Telenet Fidea)  a 1’07’’
5. Eli Iserbyt BEL (Marlux-Bingoal)  a 1’20’’
6. Jens Adams BEL (Pauwels Sauzen-Vastgoedservice)  a 1’31’’
7. Corne Van Kessel NED (Telenet Fidea)  1’51‘’
8. Laurens Sweeck BEL (Pauwels Sauzen-Vastgoedservice)  a 2’34’’
9. Gioele Bertolini ITA (Selle Italia Guerciotti)  a 3’14’’
10. Michael Boros CZE (Creafin Tuv Sud)  a 3’18’’
 
ORDINE D’ARRIVO DVV TROFEE BRUXELLES-GARA F:
 
1. Ceylin Del Carmen Alvarado NED (Corendon-Circus)  
2. Loes Sels BEL (Pauwels Sauzen-Vastgoedservice)  a 43‘’
3. Laura Verdonschot BEL (Marlux-Bingoal)  a 59’’
4. Katherine Compton USA (KFC Racing)  a 1’12’’
5. Nikki Brammeier GBR (Mudiiita Cycling Project)  a 1’20’’
6. Alice Maria Arzuffi ITA (Steylaerts-777)  a 1’50’’

CLASSIFICA GENERALE DVV TROFEE M (dopo 7 eventi su 8):
 
1. Mathieu Van der Poel NED (Corendon-Circus)  
2. Toon Aerts BEL (Telenet Fidea)  a 58’’
3. Michael Vanthourenhout BEL (Marlux-Bingoal)  a 5’26’’
4. Laurens Sweeck BEL (Pauwels Sauzen-Vastgoedservice)  a 7’52’’
5. Lars Van Der Haar NED (Telenet Fidea)  a 8’10’’
6. Corne Van Kessel NED (Telenet Fidea)  a 9’14’’
7. Tom Meeusen BEL (Corendon-Circus)  a 11’23‘’
8. Jens Adams BEL (Pauwels Sauzen-Vastgoedservice)  a 11’33’’
9. Kevin Pauwels BEL (Marlux-Bingoal)  a 14’44’’
10. Eli Iserbyt BEL (Marlux-Bingoal)  a 16’08’’
30. Gioele Bertolini ITA (Selle Italia Guerciotti)  a 30’07’’
 
CLASSIFICA GENERALE DVV TROFEE F (dopo 7 eventi su 8):
 
1. Sanne Cant BEL (Corendon-Circus)  
2. Loes Sels BEL (Pauwels Sauzen-Vastgoedservice)  a 1’22’’
3. Nikki Brammeier GBR (Mudiiita Cycling Project)  a 4’03’’
4. Laura Verdonschot BEL (Marlux-Bingoal)  a 6’16’’
5. Ellen Van Loy BEL (Telenet Fidea)  a 8’33’’
6. Eva Lechner ITA (Creafin Tuv Sud)  a 13’45’’
11. Alice Maria Arzuffi ITA (Steylaerts-777)  a 18’55’’

ORDINE D’ARRIVO CYCLO-CROSS LA MEZIERE:

1. Wout Van Aert BEL (Cibel-Cebon)
2. Clement Venturini FRA (AG2R La Mondiale)  a 1’47’’
3. Quinten Hermans BEL (Telenet Fidea)  ‘’
4. Antoine Benoist FRA (Team Chazal Canyon)  a 2’20’’
5. Gianni Vermeersch BEL (Steylaerts-777)  a 2’39’’
6. Mickael Crispin FRA (Team Chazal Canyon)  a 2’41’’
7. Nicolas Cleppe BEL (Telenet Fidea)  a 2’48’’
8. Vincent Baestaens BEL (VZW Stoempersclub)  a 2’52’’
9. Clement Russo FRA (Akrea-Samsic)  ‘’
10. Steve Chainel FRA (Team Chazal Canyon)  ‘’
 
ORDINE D’ARRIVO GIRO D’ITALIA CICLOCROSS ROMA-GARA M:

1. Jakob Dorigoni ITA (Selle Italia Guerciotti)
2. Cristian Cominelli ITA (Cycling Café Racing Team)
3. Nadir Colledani ITA (Bianchi Countervail)
4. Stefano Capponi ITA (Pro Bike Riding Team)
5. Stefano Sala ITA (Selle Italia Guerciotti)

ORDINE D’ARRIVO GIRO D’ITALIA CICLOCROSS-GARA F:

1. Chiara Teocchi ITA (Bianchi Countervail)
2. Silvia Persico ITA (ASD Sorgente Pradipozzo)
3. Francesca Baroni ITA (Selle Italia Guerciotti)
4. Alessia Bulleri ITA (Merida Italia Team)
5. Sara Casasola ITA (ASD DP66)

CLASSIFICA FINALE GIRO D’ITALIA CICLOCROSS M:

1. Antonio Folcarelli ITA (Race Mountain Folcarelli)  124 punti
2. Matteo Vidoni ITA (ASD DP66)  100 pt.
3. Cristian Cominelli ITA (Cycling Cafè Racing Team)  86 pt.
4. Stefano Capponi ITA (Pro Bike Riding Team)  a 75 pt.
5. Fabio Zampese ITA (ASD Bike Pro Action)  57 pt.

CLASSIFICA FINALE GIRO D’ITALIA CICLOCROSS F:

1. Sara Casasola ITA (ASD DP66)  151 punti
2. Gaia Realini ITA (Vallerbike)  120 pt.
3. Alessia Bulleri ITA (Merida Italia Team)  83 pt.
4. Asia Zontone ITA (ASD DP66)  79 pt.
5. Francesca Baroni ITA (Selle Italia Guerciotti)  74 pt.

 






08/01/2019

Marco Bea


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio