Ciclocross 2018/19
Rientro da cannibale per Van der Poel, buona la prima per Folcarelli e Casasola nel Giro d'Italia

Rientro da cannibale per Van der Poel, buona la prima per Folcarelli e Casasola nel Giro d'Italia
condividi la pagina:

Il primo weekend di ottobre ci ha proiettato nel cuore della stagione di ciclocross, tra gare sparse a macchia d’olio in tutto il continente europeo ed un ritorno che non ha deluso le attese. Concluso il periodo di riposo post-mondiali di MTB Mathieu Van der Poel ha infatti ripreso a macinare vittorie nella sua disciplina d’elezione, con una doppietta, tra sabato e domenica, nelle prove del Brico Cross di Meulbeke e Ronse. Il fenomeno di Kapellen non ha quindi risentito in alcun modo di queste ultime tre settimane di inattività, dimostrando di voler subito mettere in chiaro le cose nel confronto con Wout Van Aert, secondo in entrambe le occasioni ed in buona crescita rispetto alla trasferta nordamericana. Le sfide in Belgio sono tuttavia state soltanto la punta dell’iceberg di una due giorni davvero ricca di eventi, in cui è scattato, per quel che concerne il nostro paese, anche il Giro d’Italia Ciclocross. Il celebre circuito a tappe nazionale si è aperto domenica sulla sabbia del lungomare di Senigallia, con i successi di Antonio Folcarelli e Sara Casasola.

 

Percorso e condizioni ideali sabato a Meulbeke per un esordio in grande stile di Mathieu Van der Poel, non solo per il terreno veloce ed asciutto, ma anche per il forfait di antagonista potenzialmente pericoloso come Toon Aerts, ancora intento a smaltire il jet lag dopo la trionfale campagna statunitense. Spartito di gara classico per il campione europeo in carica, che ha lasciato sfogare i rivali nelle prime tre tornate, per poi cominciare ad imporre il suo martellante ritmo. Gli affondi del neerlandese hanno colpito ma non abbattuto la contraerea di Wout Van Aert, che a tratti ha saputo contenere in maniera efficace il suo straripante dirimpettaio, limitando i danni anche al traguardo. Terza piazza di spessore invece per un Quinten Hermans che non ha pagato alla distanza lo scotto di una partenza allegra, condotta in coabitazione con l’ottimo Eli Iserbyt, fermatosi ai piedi del podio. La replica da parte di Van der Poel è arrivata appena 24 ore dopo, in un contesto sulla carta meno favorevole come quello di Ronse. L’irregolare tracciatura del GP Mario De Clercq ha imposto al fuoriclasse olandese una condotta tattica più guardinga in avvio, senza però lasciar mai trasparire delle particolari difficoltà. La prima sgasata, nel terzultimo giro, è stata comunque sufficiente per distanziare in maniera decisiva la concorrenza, a partire da un Van Aert, presentatosi nel weekend con la nuova livrea targata Cibel-Cebon, ancora secondo ed ancora alla ricerca del primo centro stagionale. Il terzo gradino del podio è stato stavolta appannaggio di Michael Vanthourenhout, rimasto a contatto dei due tenori per quasi tutta la corsa.

 

Mathieu Van der Poel in trionfo sul traguardo di Ronse. Il campione europeo sembra intenzionato a seguire lo stesso (straordinario) rullino di marcia tenuto lo scorso inverno. (foto Photopress.be)

 

 

La gara di Ronse in campo femminile ha riservato inoltre un risultato di peso per i colori azzurri, grazie ad Alice Maria Arzuffi. La brianzola, alla seconda uscita stagionale, ha infatti confermato la piazza d’onore di tre settimane fa a Geraardsbergen, arrendendosi stavolta soltanto ad una Marianne Vos in grande spolvero. La nostra portacolori ha preceduto la compagna di squadra della Steylaerts-777 Annemarie Worst, a sua volta assente nelle due manche americane di Coppa del Mondo. Non ha brillato invece Eva Lechner in occasione del suo primo impegno ufficiale in maglia Creafin Tuv Sud, con un 11° posto frutto di una prestazione in calando tornata dopo tornata.

 

Alice Maria Arzuffi sul podio di Ronse con Marianne Vos ed Annemarie Worst. Seconda piazza d’onore in altrettante uscite stagionali per la brianzola. (foto Photopresse.be)

 

 

Nella giornata di domenica ha preso il via anche la 10° edizione del Giro d’Italia di Ciclocross, con la cittadina di Senigallia a fare da cornice alla prima delle sei manche in programma nella rassegna. Sulle sponde del Mar Adriatico si sono ritrovati alcuni dei migliori interpreti del movimento nazionale, che hanno dato battaglia lungo un circuito nel complesso veloce, ma caratterizzato dall’attraversamento di un tratto di spiaggia nella costa di levante del centro balneare marchigiano. A dare ancor più pepe alle gare ci ha pensato anche la pioggia, caduta in maniera lieve ma costante proprio in concomitanza delle due prove regine di giornata. La sabbia ed il terreno viscido non hanno tuttavia spaventato Sara Casasola, che ha timbrato un successo piuttosto netto nella categoria open femminile. La friulana in forza all’ASD DP66 di Daniele Pontoni ha viaggiato al comando dalla prima all’ultima tornata, lasciandosi alle spalle Nicole Fede e la junior Gaia Realini, che ha agguantato la maglia bianca di miglior giovane. Molto più tesa invece la lotta per la vittoria tra gli uomini, dove Antonio Folcarelli, bravo a rimediare ad una partenza stentata, ha regolato in un appassionante sprint a due Matteo Vidoni. Patrick Favaro ha infine completato un podio per 2/3 laziale, in cui sarebbe potuto salire anche Stefano Capponi, a lungo in lotta con la coppia di testa ma costretto al ritiro a due giri dal termine a causa di una foratura. Vi proponiamo ora le sensazioni a caldo dei protagonisti di questo primo appuntamento di rilievo della stagione italiana, raccolte direttamente dai nostri inviati a Senigallia:

 

Sara Casasola: “La stagione è iniziata in maniera perfetta sia per che per il team e sono davvero contenta della mia prestazione. Il percorso alla vigilia sembrava abbastanza semplice e scorrevole, ma il cambiamento improvviso del tempo lo ha reso molto più insidioso del previsto. Il tratto di sabbia lungo la spiaggia era davvero tosto invece e devo fare i complimenti agli organizzatori per la scelta di inserire una sezione del genere. Adesso punterò a dare continuità a questa vittoria anche nelle prossime uscite, a partire dalla prossima tappa a Sappada. In questa stagione cercherò comunque di crescere e di ragionare di gara in gara, senza focalizzarmi troppo su degli obiettivi specifici”.

 

Gaia Realini: “Sul traguardo ho esultato come fosse una vittoria perché era dalla scorsa edizione che cercavo di vestire la maglia bianca ed esserci riuscita subito quest’anno rappresenta un grande motivo di soddisfazione. Nonostante fosse completamente piatto il circuito è diventato più difficile da interpretare per via della pioggia, anche se io mi sono divertita molto di più a guidare in queste condizioni piuttosto che con l’asciutto. Il mio obiettivo sarà ora quello di difendere il primato nella classifica delle giovani e di fare il meglio possibile in tutte le gare”.

 

Antonio Folcarelli: “La corsa è stata dura soprattutto per via del terreno scivoloso, ma alla fine penso di essermi difeso nel miglior modo possibile, anche sulla sabbia. Sono partito con le gomme gonfiate in base alle condizioni delle prove del mattino e nel primo giro ho pagato questo fatto con un paio di scivolate, che per fortuna non hanno compromesso la mia gara. Speriamo di continuare così e di portare la rosa fino a Roma”.

 

Matteo Vidoni: “Come prima uscita sono andato al di sopra delle mie aspettative, visto che in termini di ritmo gara non sono ancora al top. Peccato per la volata finale, ma sono comunque contento di essermela giocata fino all’ultimo metro. Il tratto di sabbia ti tagliava il fiato e le gambe ed era sicuramente il punto focale di un tracciato altrimenti piuttosto veloce. Ringrazio infine per questo risultato tutto il team e soprattutto Daniele Pontoni. Lavorare con un tecnico del suo spessore ti dà una marcia in più sia in gara che durante la settimana”.

 

Sotto la pioggia di Senigallia Sara Casasola festeggia il suo primo successo stagionale. Esordio da incorniciare per la friulana e per tutto il team DP66. (foto Giro d’Italia Ciclocross)

 

 

Nel weekend si è masticato ciclocross di livello anche ad Aigle, per il secondo round del circuito elvetico dell’EKZ Cross Tour. A brindare in campo maschile è stato il belga Vincent Baestaens, che ha superato dopo un’ultima tornata in apnea il leader della generale David Van der Poel e Corne Van Kessel. Da registrare anche il settimo posto del nostro Gioele Bertolini, che ha inaugurato in Svizzera, insieme a tutto il gruppo della Selle Italia Guerciotti, una stagione invernale in cui si è presentato da subito in buone condizioni. Nella prova femminile successo per l’olandese Denise Betsema, davanti a Pavla Havlikova e ad Helen Wyman, issatasi anche al comando della classifica. Tra le azzurre ha brillato infine Rebecca Gariboldi, quinta al traguardo ed in zona podio nella graduatoria complessiva.

 

ORDINE D’ARRIVO BRICO CROSS RONSE-GARA M:

1. Mathieu Van der Poel NED (Corendon-Circus)
2. Wout Van Aert BEL (Cibel-Cebon)  a 22’’
3. Michael Vanthourenhout BEL (Marlux-Bingoal)  a 23’’
4. Gianni Vermeersch BEL (Steylaerts-777)  a 47’’
5. Lars Van Den Haar NED (Telenet Fidea)  ‘’
6. Joris Nieuwenhuis NED (Team Sunweb)  a 52’’
7. Jens Adams BEL (Pauwels Sauzen-Vastgoedservice)  a 1’
8. Nicolas Cleppe BEL (Telenet Fidea)  a 1’07’’
9. Michael Boros CZE (Creafin Tuv Sud)  a 1’21’’
10. Marcel Meisen GER (Corendon-Circus)  a 1’43’’
 
ORDINE D’ARRIVO BRICO CROSS MEULBEKE-GARA M:
 
1. Mathieu Van der Poel NED (Corendon-Circus)
2. Wout Van Aert BEL (Cibel-Cebon)  a 8’’
3. Quinten Hermans BEL (Telenet Fidea)  a 15’’
4. Eli Iserbyt BEL (Marlux-Bingoal)  a 38’’
5. Laurens Sweeck BEL (Pauwels Sauzen-Vastgoedservice)  a 54’’
 
ORDINE D’ARRIVO BRICO CROSS RONSE-GARA F:
 
1. Marianne Vos NED (Waovdeals Pro Cycling)  
2. Alice Maria Arzuffi ITA (Steylaerts-777)  a 10’’
3. Annemarie Worst NED (Steylaerts-777)  a 18’’
4. Ceylin Del Carmen Alvarado NED (Corendon-Circus)  a 40’’
5. Ellen Van Loy BEL (Telenet Fidea)  a 44’’
11. Eva Lechner ITA (Creafin Tuv Sud)  a 2’12’’
 
ORDINE D’ARRIVO GIRO D’ITALIA CICLOCROSS SENIGALLIA-GARA M:
 
1. Antonio Folcarelli ITA (Race Mountain Folcarelli) 
2. Matteo Vidoni ITA (ASD DP66)
3. Patrick Favaro ITA (Futura Team-Rosini)
4. Fabio Zampese ITA (ASD Bike Pro Action)
5. Federico Ceolin ITA (Team Velociraptors)
 
ORDINE D’ARRIVO GIRO D’ITALIA CICLOCROSS SENIGALLIA-GARA F:
 
1. Sara Casasola ITA (ASD DP66)
2. Nicole Fede ITA (Valcar PBM9
3. Gaia Realini ITA (Vallerbike) 
4. Asia Zontone ITA (ASD DP66)
5. Alessia Bulleri ITA (Merida Italia Team)
 
CLASSIFICA GENERALE GIRO D’ITALIA CICLOCROSS M (dopo 1 evento su 6):
 
1. Antonio Folcarelli ITA (Race Mountain Folcarelli)  30 punti
2. Matteo Vidoni ITA (ASD DP66)  26 pt.
3. Patrick Favaro ITA (Futura Team-Rosini)  22 pt.
4. Fabio Zampese ITA (ASD Bike Pro Action)  19 pt.
5. Federico Ceolin ITA (Team Velociraptors)  16 pt.

CLASSIFICA GENERALE GIRO D’ITALIA CICLOCROSS F (dopo 1 evento su 6):
 
1. Sara Casasola ITA (ASD DP66)  30 punti
2. Nicole Fede ITA (Valcar PBM9)  26 pt.
3. Gaia Realini ITA (Vallerbike)  22 pt.
4. Asia Zontone ITA (ASD DP66)  19 pt.
5. Alessia Bulleri ITA (Merida Italia Team)  16 pt.
 
ORDINE D’ARRIVO EKZ CROSS TOUR AIGLE-GARA M:
 
1. Vincent Baestaens BEL (VZW Stoempersclub)  
2. David Van der Poel NED (Corendon-Circus)  a 2’’
3. Corne Van Kessel NED (Telenet Fidea)  a 5’’
4. Steve Chainel FRA (Team Chazal Canyon)  a 7’’
5. Timon Ruegg SUI (Scott MTB Team)  a 14’’
6. Jan Nesvadba CZE (CEZ Cyclo Team Tabor)  a 19’’
7. Gioele Bertolini ITA (Selle Italia Guerciotti)  a 24’’
8. Marcel Wildhaber SUI (Scott-Sram MTB Team)  a 31’’
9. Antoine Benoist FRA (Team Chazal Canyon)  a 35’
10. Sascha Weber GER (Easton Cycling Team)  a 42’’
17. Nicolas Samparisi ITA (KTM Alchemist)  a 1’20’’
24. Lorenzo Samparisi ITA (KTM Alchemist)  a 2’23’’
34. Stefano Sala ITA (Selle Italia Guerciotti)  a 3’55’’
42. Jakob Dorigoni ITA (Selle Italia Guerciotti)  a 6’08’’
 
ORDINE D’ARRIVO EKZ CROSS TOUR AIGLE-GARA F:
 
1. Denise Betsema NED (AB Transport Texel)
2. Pavla Havlikova CZE (Kooperativa Cyclocross Team)  a 31’’
3. Helen Wyman GBR (Xypex-Verge Sport)  a 44’’
4 Nicole Koller SUI (VC Eschenbach)  a 47’’
5. Rebecca Gariboldi ITA (Team Isolmant)  a 1’09’’
9. Francesca Baroni ITA (Selle Italia Guerciotti)  a 2’02’’
19. Alessandra Grillo ITA (Selle Italia Guerciotti)  a 3’46’’
24. Nicoletta Bresciani ITA (Scott Racing Team)  a 4’42’’
 
CLASSIFICA GENERALE EKZ CROSS TOUR M (dopo 2 eventi su 6):
 
1. David Van der Poel NED (Corendon-Circus)  180 punti
2. Vincent Baestaens BEL (VZW Stoempersclub)  148 pt.
3. Steve Chainel FRA (Team Chazal Canyon)  119 pt.
4. Jan Nesvadba CZE (CEZ Cyclo Team Tabor)  114 pt.
5. Antoine Benoist FRA (Team Chazal Canyon)  104 pt.
6. Nicola Rohrbach SUI (Goldwurst-Power)  98 pt.
7. Simon Zahner SUI (Team EKZ)  90 pt.
8. Francis Mourey FRA (Team S1neo VC Valdahon)  82 pt.
9. Marek Konwa POL (Volgswagen Samochody Uzytkowe)  82 pt.
10. Severin Sagesser SUI (Focus Floccari Cyclocross Team)  80 pt.
12. Nicolas Samparisi ITA (KTM Alchemist)  74 pt.
22. Gioele Bertolini ITA (Selle Italia Guerciotti)  56 pt.
23. Lorenzo Samparisi ITA (KTM Alchemist)  54 pt.
 
CLASSIFICA GENERALE EKZ CROSS TOUR F (dopo 2 eventi su 6):
 
1. Denise Betsema NED (AB Transport Texel)  170 punti
2. Pavla Havlikova CZE (Kooperativa Cyclocross Team)  160 pt.
3. Elisabeth Brandau GER (EBE-Racing Team)  158 pt.
4 Nicole Koller SUI (VC Eschenbach)  130 pt.
5. Rebecca Gariboldi ITA (Team Isolmant)  116 pt.
18. Francesca Baroni ITA (Selle Italia Guerciotti)  52 pt.
27. Alessandra Grillo ITA (Selle Italia Guerciotti)  32 pt.

 

 





09/10/2018

Marco Bea


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio