Ciclocross 2019/20
Squillo con vista mondiale per Van der Poel ad Hoogerheide, ufficiale la selezione azzurra per Dubendorf

Squillo con vista mondiale per Van der Poel ad Hoogerheide, ufficiale la selezione azzurra per Dubendorf
condividi la pagina:

Messaggio a tinte iridate da parte di Mathieu Van der Poel nell’ultimo weekend di ciclocross, in cui è giunta al termine l’edizione 2019/20 della Coppa del Mondo. Ad Hoogerheide, nel tradizionale ultimo round del circuito principe della specialità, il fenomeno di Kapellen non ha deluso il pubblico olandese, regalando l’ennesima dimostrazione di assoluta supremazia su uno dei suoi circuiti d’elezione. Un successo che, per modalità e caratteristiche del contesto, risulta alquanto indicativo in vista del mondiale di Dubendorf, dove le trappole tattiche del Belgio per imbrigliare il “defending champion” potrebbero rivelarsi infruttuose anche in caso di gara poco selettiva. Tra una settimana le speranze leonine saranno comunque risposte in primis su Toon Aerts ed Eli Iserbyt, rispettivamente 2° e 3° domenica, con il primo che sarà rinfrancato anche dal fresco, quanto sudato, trionfo nella generale di Coppa del Mondo. In campo femminile gli eventi dell’ultimo weekend ci hanno invece confermato che il podio iridato rischia davvero di direzionarsi verso un monocolore orange, nella speranza di vedere su quel podio anche l’azzurro di almeno uno dei nostri 19 rappresentanti convocati per la rassegna.

 

Ultimo test pre-mondiale per Mathieu Van der Poel ad Hoogerheide, in una prova, intitolata a papà Adrie, perfetta per saggiare la gamba senza sforzi esagerati, sia per la tracciatura non troppo severa che per l’assenza di fango. Non a caso la contesa si sviluppa nella prima metà come una vera e propria gara di gruppo, con una pattuglia di una dozzina di elementi a presidiare la testa dopo una sfuriata preliminare dell’iridato in avvio. Davanti si gioca anche di tattica e i belgi, pur essendo per lo più divisi dai colori dei club, sembrano già muoversi con in testa quello che potrebbe accadere a Dubendorf, il cui percorso si preannuncia veloce quanto quello di Hoogerheide. Nel 5° giro, accorgendosi di un Van der Poel un po’ arretrato nel trenino al comando, Toon Aerts mette in fila gli avversari con un bel forcing, che apre le porte, sul tratto in asfalto a ridosso della linea d’arrivo, ad una secca stoccata di Laurens Sweeck. La mossa in contropiede del “driekleur” tuttavia non fa altro che stuzzicare il fenomeno di Kapellen, che non si limita ad una semplice azione di copertura. Dopo aver chiuso il buco Van der Poel alza il livello dello scontro con una violenta fiondata sullo strappo più duro del circuito, che provoca un netto sconquasso del drappello dei migliori. In poche pedalate il neerlandese lascia infatti sul posto tutti i rivali, con i soli Aerts ed Eli Iserbyt che, in un primo momento, riescono a contenere le perdite nell’ordine dei 10/15’’. La progressione di Van der Poel è tuttavia incontenibile e si conclude, come da prassi, in una trionfale parata per i tifosi. Più che la piazza d’onore di giornata, conquistata ai danni di Iserbyt, Aerts festeggia invece il successo nella classifica di Coppa, giunto senza sigilli nelle singole tappe ma con una costanza di rendimento invidiabile, nobilitata dalla strenua difesa di Zolder con il fardello delle costole fratturate appena 3 giorni prima a Namur. Da segnalare infine l’8° posto di Wout Van Aert, a cui bisogna aggiungere il 2° di sabato a Zonnebeke alle spalle proprio di Van der Poel, che a Dubendorf potrebbe essere una pedina preziosa per il Belgio sia a livello morale che come guastatore, grazie anche ad una condizione in evidente ascesa.

 

Mathieu Van der Poel in azione sul circuito di Hoogerheide. L’iridato ha fatto sua la tappa casalinga di Coppa del Mondo in 5 delle ultime 6 edizioni. (foto Cyclephotos)

 

 

Esito a sorpresa, più che altro per il modo in cui si è materializzato, invece tra le donne, dove Annemarie Worst è riuscita a strappare al fotofinish la maglia di leader del circuito a Ceylin Del Carmen Alvarado. L’atleta di origini dominicane, molto attenta nella gestione di una gara oltremodo tattica ed equilibrata, ha pagato un singolo quanto sanguinoso errore nel settore in contropendenza a poche centinaia di metri dal traguardo, autoeliminandosi dalla lotta per il podio e terminando la gara in 6° posizione. Alla Worst è quindi bastato chiudere lo sprint finale, in cui avrebbe senza dubbio faticato a sopravanzare una Alvarado al comando del trenino di testa prima dello scivolone, alle spalle della vincitrice Lucinda Brand per operare il soprasso nella generale. In ottica Dubendorf c’è da registrare la crescita non solo di Yara Kastelijn, 4° di giornata ed in ripresa dopo alcune settimane negative, ma soprattutto di Sanne Cant, che con la 3° piazza di Hoogerheide si candida ad essere la principale sfidante del blocco orange per il mondiale. Qualche incognita in più vige invece sulle possibilità delle nostre Eva Lechner ed Alice Maria Arzuffi, entrambe in recupero da sindromi influenzali. La bolzanina ha concluso in proprio avvicinamento con un 12° posto viziato da una partenza poco brillante, mentre la brianzola ha preferito prendersi un weekend di pausa dalle competizioni per ristabilirsi al meglio.

 

Tanta Olanda nelle prime posizioni della prova femminile anche ad Hoogerheide. Da sinistra a destra ecco Yara Kastelijn, Annemarie Worst e Ceylin Del Carmen Alvarado. (foto UCI Cyclocross)

 

 

Le nostre due rappresentanti nella categoria donne Elite saranno tra le esponenti di riferimento della spedizione azzurra per Dubendorf, composta da 19 corridori distribuiti in tutte e 6 le categorie. Il contingente italiano, guidato dal CT Fausto Scotti, cercherà degli exploit soprattutto nelle prove Under 23 e in quella Juniores maschile, dove avremo nell’ordine Jakob Dorigoni, Francesca Baroni e Davide De Pretto come punte per una top 5. Ecco la lista completa dei nostri convocati:

Uomini Elite: Cristian Cominelli, Nicolas Samparisi

Donne Elite: Alice Maria Arzuffi, Eva Lechner

Uomini Under 23: Jakob Dorigoni, Antonio Folcarelli, Samuele Leone, Davide Toneatti

Donne Under 23: Francesca Baroni, Sara Casasola, Gaia Realini

Uomini Junior: Filippo Agostinacchio, Davide De Pretto, Ettore Loconsolo, Lorenzo Masciarelli, Bryan Olivo

Donne Junior: Carlotta Borello, Lucia Bramati, Nicole Pesse

 

Eva Lechner sul traguardo di Hoogerheide. La campionessa italiana Elite sarà una sorta di capitano per la nostra nazionale nell’ormai imminente mondiale di Dubendorf.

 

 

 

ORDINE D’ARRIVO COPPA DEL MONDO HOOGERHEIDE-GARA M:

1. Mathieu Van der Poel NED (Alpecin-Fenix)
2. Toon Aerts BEL (Telenet Baloise)  a 38’’
3. Eli Iserbyt BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 43’’
4. Michael Vanthourenhout BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 49’’
5. Tim Merlier BEL (Creafin-Fristads)  a 50’’
6. Lars Van Der Haar NED (Telenet Baloise)  ’’
7. Thomas Pidcock GBR (Trinity Racing)  a 52’’
8. Wout Van Aert BEL (Team Jumbo-Visma)  a 53’’
9. Laurens Sweeck BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 59’’
10. Corne Van Kessel NED (Tormans Cyclocross Team)  a 1’05’’
47. Nicolas Samparisi ITA (KTM Alchemist)  -2 LAP

ORDINE D’ARRIVO COPPA DEL MONDO HOOGERHEIDE-GARA F:
 
1. Lucinda Brand NED (Telenet Baloise)
2. Annemarie Worst NED (777)  a 3’’
3. Sanne Cant BEL (IKO-Crelan)  a 4’’
4. Yara Kastelijn NED (777)  a 5’’
5. Evie Richards GBR (Trek Factory Racing)  a 10’’
12. Eva Lechner ITA (Crefin-Fristads)  a 45’’
23. Sara Casasola ITA  a 1’33’’
27. Gaia Realini ITA  a 1’49’’
34. Francesca Baroni ITA  a 2’14’’
77. Marta Zanga ITA (KTM Alchemist)  -2 LAP
 
CLASSIFICA FINALE COPPA DEL MONDO M:
 
1. Toon Aerts BEL (Telenet Baloise)  577 punti
2. Eli Iserbyt BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  531 pt.
3. Michael Vanthourenhout BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  492 pt.
4. Laurens Sweeck BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  473 pt.
5. Lars Van Der Haar NED (Telenet Baloise)  467 pt.
6. Quinten Hermans BEL (Tormans Cyclocross Team)  444 pt.
7. Corne Van Kessel NED (Tormans Cyclocross Team)  417 pt.
8. Mathieu Van der Poel NED (Alpecin-Fenix)  400 pt.
9. Gianni Vermeersch BEL (Creafin-Fristads)  393 pt.
10. Joris Nieuwenhuis NED (Team Sunweb)  340 pt.
57. Nicolas Samparisi ITA (KTM Alchemist)  41 pt.
65. Gioele Bertolini ITA (Cervelo-FSA CX Pro Team)  28 pt.
85. Cristian Cominelli ITA (Cycling Cafè Racing Team)  12 pt.
 
CLASSIFICA FINALE COPPA DEL MONDO F:
 
1. Annemarie Worst NED (777)  495 punti
2. Ceylin Del Carmen Alvarado NED (Alpecin-Fenix)  480 pt.
3. Katerina Nash CZE (Clif Pro Team)  430 pt.
4. Inge Van Der Heijden NED (CCC-Liv)  388 pt.
5. Katherine Compton USA (KFC Racing)  377 pt.
13. Eva Lechner ITA (Crefin-Fristads)  297 pt.
22. Alice Maria Arzuffi ITA (777)  218 pt.
32. Francesca Baroni ITA  133 pt.

 






28/01/2020

Marco Bea


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio