Ciclocross 2019/20
Sweeck trionfa a Middelkerke e trova posto tra i maestri del Superprestige, Iserbyt incontenibile ad Hulst

Sweeck trionfa a Middelkerke e trova posto tra i maestri del Superprestige, Iserbyt incontenibile ad Hulst
condividi la pagina:

Vincerà meno di altri, ma in quanto a peso della propria bacheca di trofei Laurens Sweeck, protagonista principale del penultimo weekend della stagione di ciclocross, inizia ad avere non molti eguali. Il campione belga in carica ha infatti nobilitato ulteriormente il proprio inverno con il trionfo nella classifica del Superprestige, conquistato sabato grazie ad un magistrale assolo nella tappa conclusiva di Middelkerke. Una zampata quasi chirurgica per il classe 1993 di Leuven, tra l’altro al primo sigillo in carriera nel massimo circuito fiammingo, che non ha lasciato scampo al proprio contendente diretto per la generale Eli Iserbyt, in una gara assai poco tattica rispetto alle previsioni della vigilia. Non poteva tuttavia mancare uno scatto di orgoglio dello scricciolo di Kortrijk, riscattatosi in parte domenica ad Hulst con una prestazione ancor più dominante di quella offerta dal compagno il giorno precedente.

 

Sfida su due fronti sabato a Middelkerke, round conclusivo di un Superprestige in bilico tra Laurens Sweeck ed Eli Iserbyt, separati da appena un punto nella generale ma in sostanziale parità in virtù del 2-0, in favore del secondo, nei successi parziali. Per imporsi nel challenge basta quindi mettere la propria ruota davanti a quella del rivale, al di là del piazzamento di giornata, il che suggerisce ad entrambi una certa accortezza in termini di approccio alla gara. In avvio il pallino passa infatti nelle mani degli atleti interessati unicamente alla vittoria di tappa, con le azioni di Lars Van Der Haar prima e di Quinten Hermans poi che provocano tuttavia solo degli accenni di selezione nel trenino dei big. La contesa inizia a salire di intensità a seguito del rientro in testa di Thomas Pidcock, rimasto un po’ imbottigliato nel traffico in partenza, che passa subito all’offensiva con una fiammata delle sue nel tratto in asfalto al termine del 3° giro. Il britannico, destinato a pagare nella seconda metà di corsa lo scotto di questa mossa impulsiva, perde però presto di abbrivio, lasciando il campo, dopo il successivo ricompattamento, al contropiede velenoso di Sweeck. Il campione belga, apparso in precedenza meno reattivo di Iserbyt nel rispondere alle sollecitazioni degli avversari, coglie il momento buono e lascia al palo il resto della compagnia. Dietro infatti le energie per organizzare una reazione latitano e l’onere dell’inseguimento cade in toto sulla coppia della Telenet Baloise composta da Toon Aerts e dallo stesso Van Der Haar, con Iserbyt e Michael Vanthourenhout, gli unici a reggere il ritmo dei due alfieri di Sven Nys, sempre passivi a ruota. Sweeck dal canto suo macina con estrema regolarità anche i giri conclusivi e porta a termine senza intoppi la sua cavalcata solitaria, andando così ad iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro del Superprestige, al fianco di tanti giganti del cross. La piazza d’onore è infine appannaggio di Aerts, emerso di forza nel finale su Iserbyt e Van Der Haar, saliti nell’ordine sul 2° ed il 3° gradino del podio definitivo della generale.

 

Festa doppia per Laurens Sweeck sul traguardo di Middelkerke. Con il suo 5° successo stagionale il campione belga ha sugellato il suo primato nella generale del Superprestige. (foto Photopress.be)

 

 

Domenica invece ultima puntata stagionale del circus in Olanda per il Vestingcross di Hulst, prova piuttosto giovane ma molto apprezzata da appassionati e addetti ai lavori, premiata non a caso con l’inserimento nel calendario della Coppa del Mondo 2020/21. Per l’ultima edizione all’interno del circuito dell’Ethias Cross gli organizzatori confermano in blocco il tracciato, disegnato lungo il perimetro nord delle mura del centro storico e ricco di passaggi tecnici quanto scenografici, a partire da quello all’interno dell’antico mulino cittadino. Gli equilibri stavolta vengono spezzati al primo attacco degno di nota, portato nella 2° tornata da Eli Iserbyt. L’affondo piuttosto anticipato dello scricciolo di Kortrijk si rivela tutt’altro che azzardato, con gli atleti in caccia, guidati in primis da Lars Van Der Haar, che faticano oltremodo non solo a chiudere il buco, ma anche a contenere il distacco. Dietro si comincia a ragionare presto in ottica 2° posto, mentre Iserbyt conduce il proprio monologo con grande cattiveria agonistica, forse per scrollarsi anche di dosso l’amarezza della sconfitta di 24 ore prima. Il belga classe 1997 centra quindi un ulteriore alloro di un’annata assai prolifica, mentre la lotta per il 2° gradino del podio sorride stavolta a Thomas Pidcock, riemerso con l’andare dei giri dopo un’altra partenza a rilento. Terza piazza infine per Toon Aerts, molto costante ma privo del tocco vincente nelle uscite post-mondiale di Dubendorf.

 

Eli Iserbyt in azione tra le ripide discese del circuito di Hulst. Il belga è l’unico, insieme a Mathieu Van der Poel, ad aver centrato la doppia cifra di vittorie in questo inverno.

 

 

In campo femminile continua invece il rullino di marcia ai limiti della perfezione di Ceylin Del Carmen Alvarado, imbattuta da quando indossa la maglia iridata. A Middelkerke neanche un inconveniente alla scarpa, sostituita ai box nel 3° giro, ha frenato l’atleta di origini dominicane, brava a riagganciare in testa le Annemarie Worst e Denise Betsema e a superarle nell’ordine nel rush decisivo. Con 3 tappe vinte su 7 l’olandese dei caraibi ha fatto sua con margine anche la generale del Superprestige, nelle cui posizioni di vertice figurano anche i nomi delle nostre Alice Maria Arzuffi ed Eva Lechner. La brianzola, 11° nell’ultimo round, ha chiuso in classifica al 4° posto, mentre la bolzanina, 5° di giornata alle spalle della sempre più sorprendente campionessa del mondo Junior Shirin Van Anrooij, si è attestata alla 6° piazza finale.

 

Da quando è campionessa del mondo non sbaglia più un colpo Ceylin Del Carmen Alvarado, che qua esulta sul traguardo di Middelkerke con Annemarie Worst e Denise Betsema sullo sfondo. (foto Photopress.be)

 

 

 

ORDINE D’ARRIVO SUPERPRESTIGE MIDDELKERKE-GARA M:

1. Laurens Sweeck BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  
2. Toon Aerts BEL (Telenet Baloise)  a 15’’
3. Eli Iserbyt BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 22’’ 
4. Lars Van Der Haar NED (Telenet Baloise)  a 32’’
5. Michael Vanthourenhout BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 39’’
6. Thomas Pidcock GBR (Trinity Racing)  a 1’01’’
7. Quinten Hermans BEL (Tormans Cyclocross Team)  a 1’08’’
8. Tom Meeusen BEL (Group Hens-Maes Containers)  a 1’45’’
9. Niels Vandeputte BEL (Alpecin-Fenix)  a 1’57’’
10. Joris Niewenhuis NED (Team Sunweb)  a 2’02’’
40. Jakob Dorigoni ITA (Selle Italia Guerciotti)  a 6’25’’
 
ORDINE D’ARRIVO SUPERPRESTIGE MIDDELKERKE-GARA F:
 
1. Ceylin Del Carmen Alvarado NED (Alpecin-Fenix)  
2. Denise Betsema NED (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 1’’
3. Annemarie Worst NED (777)  ‘’
4. Shirin Van Anrooij NED (Team 185)  a 35’’
5. Eva Lechner ITA (Creafin-Fristads)  a 46’’
11. Alice Maria Arzuffi ITA (777)  a 1’48’’
16. Rebecca Gariboldi ITA (Team Cingolani)  a 2’34’’
 
CLASSIFICA FINALE SUPERPRESTIGE M:
 
1. Laurens Sweeck BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  84 punti
2. Eli Iserbyt BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  81 pt.
3. Lars Van Der Haar NED (Telenet Baloise)  76 pt.
4. Toon Aerts BEL (Telenet Baloise)  74 pt.
5. Quinten Hermans BEL (Tormans Cyclocross Team)  72 pt.
6. Thomas Pidcock GBR (Trinity Racing)  63 pt.
7. Corne Van Kessel NED (Tormans Cyclocross Team)  63 pt.
8. Michael Vanthourenhout BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  40 pt.
9. Tim Merlier BEL (Creafin-Fristads)  35 pt.
10. Jens Adams BEL (Hollebeekhoeve Cycling Team)  33 pt.
29. Jakob Dorigoni ITA (Selle Italia Guerciotti)  1 pt.
 
CLASSIFICA FINALE SUPERPRESTIGE F:
 
1. Ceylin Del Carmen Alvarado NED (Alpecin-Fenix)  96 punti
2. Yara Kastelijn NED (777)  86 pt.
3. Annemarie Worst NED (777)  78 pt.
4. Alice Maria Arzuffi ITA (777)  67 pt.
5. Sanne Cant BEL (Iko-Crelan)  67 pt.
6. Eva Lechner ITA (Creafin-Fristads)  61 pt.
 
ORDINE D’ARRIVO ETHIAS CROSS HULST-GARA M:
 
1. Eli Iserbyt BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  
2. Thomas Pidcock GBR (Trinity Racing)  a 53’’
3. Toon Aerts BEL (Telenet Baloise)  a 1’06’’
4. Lars Van Der Haar NED (Telenet Baloise) a 1’31’’
5. Laurens Sweeck BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 1’43’’
6. Jens Adams BEL (Hollebeekhoeve Cycling Team)  a 1’51’’
7. Daan Soete BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 2’08’’
8. Tom Meeusen BEL (Group Hens-Maes Containers)  a 2’36’’
9. Corne Van Kessel NED (Tormans Cyclocross Team)  a 2’51’’
10. David Van der Poel NED (Alpecin-Fenix)  a 3’09’’




18/02/2020

Marco Bea


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio