Ciclocross 2019/20
Van Aert riscopre il sapore della vittoria a Lille, la Alvarado primeggia in un nuovo duello con la Worst

Van Aert riscopre il sapore della vittoria a Lille, la Alvarado primeggia in un nuovo duello con la Worst
condividi la pagina:

La definitiva rinascita di Wout Van Aert non si sarebbe potuta definire tale senza una vittoria nel ciclocross, arrivata sabato sul terreno casalingo di Lille, sede della tradizionale manche conclusiva del DVV Trofee. A pochi km dalla sua Herentals il tre volte iridato della specialità ha infatti chiuso un cerchio lungo quasi 6 mesi, tornando ad alzare le braccia al cielo per la prima volta dopo il terribile incidente, con relativa lesione tendinea, nella crono di Pau dello scorso Tour de France. Un successo, tra l’altro più che legittimo per distacchi ed andamento della gara, con il quale l’alfiere della Jumbo-Visma ha scacciato via qualsiasi dubbio sul suo effettivo recupero ad alti livelli e che rilancia ora le ambizioni del belga anche per l’imminente campagna delle pietre su strada. In un weekend mozzato dalla cancellazione della tappa di Merksplas del Superprestige, a causa dell’imperversare sulle Fiandre della tempesta Ciara, è proseguita anche la battaglia in campo femminile tra Ceylin Del Carmen Alvarado ed Annemarie Worst, con esiti in tutto e per tutto analoghi a quello del mondiali di Dubendorf.

 

Ultimo giro di giostra del DVV Trofee sabato nel Krawatencross di Lille, happening di fine stagione noto per il suo tracciato, avaro di modifiche nel corso degli anni, con prevalenza di sabbia lacustre. Una tipologia di terreno oltremodo gradita a Laurens Sweeck, che si dimostra non a caso il più pimpante nelle fasi iniziali di gara. Il campione belga prende la testa in avvio e si termina la 2° tornata con un margine di una manciata di secondi sul trenino inseguitore, grazie ad un tappo venutosi a creare a seguito di un errore di Toon Aerts in uno dei passaggi più tecnici del circuito. L’azione di Sweeck non è tuttavia delle più convinte e, nel giro successivo, viene infatti raggiunto e sopravanzato da Quinten Hermans, autore del primo vero attacco di giornata. La mossa dell’alfiere della Tormans mette però sull’attenti Wout Van Aert, rimasto fino a quel momento al coperto sulle code degli avversari, che si getta in caccia con un forcing insostenibile per il resto della compagnia. Nell’arco di una tornata l’ex iridato, sostenuto anche dal fragore del suo pubblico, riesce a raggiungere e a distanziare Hermans, rallentato anche da un blocco al cambio, trovandosi quindi nelle condizioni perfette per impostare una mini-cronometro individuale. Dietro le polveri sono troppo bagnate per produrre una risposta efficace, con la piazza d’onore che viene presto riconquistata da Hermans, bravo a ritrovare subito il ritmo dopo il cambio bici. Il finale si rivela quindi un autentico tripudio per Van Aert, che va ad esultare sul traguardo picchiando con forza il pugno su quel gluteo destro che tanto lo ha fatto penare negli ultimi mesi. Alle spalle di Hermans è invece Aerts a prendersi il 3° gradino del podio, regolando uno Sweeck beffato allo sprint proprio negli ultimi 50 metri. Nella generale nessun problema per Eli Iserbyt, autore di una prova piuttosto anonima conclusa all’11° posto, che fa suo un DVV Trofee condotto sin dalla tappa inaugurale di Oudenaarde. Un risultato propiziato anche dalle defezioni di Mathieu Van der Poel, accomiatatosi per questo inverno con il ciclocross dopo Dubendorf, plurivittorioso in questa edizione del circuito con 5 manche portate a casa sulle 8 totali.

 

Successo liberatorio a Lille per Wout Van Aert, che adesso, chiusa la parentesi con il ciclocross, potrà guardare con estrema fiducia al suo esordio stagionale su strada, previsto per la Strade Bianche.

 

 

Tra le donne ennesimo capitolo della sfida tra Ceylin Del Carmen Alvarado ed Annemarie Worst, regine indiscusse di questa stagione per continuità di rendimento e risultati. Anche a Lille le due olandesi hanno fatto corsa di testa a braccetto dal primo all’ultimo giro, senza che nessuna delle contendenti, nonostante i vari attacchi, riuscisse a spezzare l’equilibrio. Come accaduto lo scorso weekend a Dubendorf il corpo a corpo si è risolto soltanto allo sprint, con la Alvarado, in costante crescita anche in quanto ad esplosività e capacità di gestione dei finali, che ha saputo infilare nuovamente la rivale sulla retta d’arrivo. L’atleta di origini dominicane oltre a centrare il suo sigillo in maglia iridata ha quindi trionfato anche nella classifica del DVV, sugellando la sua leadership con uno straordinario filotto di vittorie nelle ultime 5 tappe. Sul fronte orange continua inoltre a stupire anche la neo-campionessa del mondo Junior Shirin Van Anrooij, addirittura 3° nel Krawatencross dopo aver battagliato a lungo con atlete dal comprovato pedigree come Sanne Cant e Katherine Compton. Per quel che concerne le azzurre da segnalare la 9° piazza di Alice Maria Arzuffi e la 12° di Eva Lechner, che hanno chiuso la generale rispettivamente al 6° e al 4° posto, grazie ad una condotta piuttosto regolare nell’arco delle 8 prove.

 

Annemarie Worst tallonata dalla maglia iridata di Ceylin Del Carmen Alvarado sul circuito di Lille. Un fermo immagine che racchiude un’intera stagione. (foto DVV Trofee)

 

 

 

ORDINE D’ARRIVO DVV TROFEE LILLE-GARA M:

1. Wout Van Aert BEL (Team Jumbo-Visma)
2. Quinten Hermans BEL (Tormans Cyclocross Team)  a 21’’
3. Toon Aerts BEL (Telenet Baloise)  a 40’’
4. Laurens Sweeck BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  ‘’
5. Michael Vanthourenhout BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 46’’
6. Thomas Pidcock GBR (Trinity Racing)  a 48’’
7. Lars Van Der Haar NED (Telenet Baloise)  a 50’’
8. Daan Soete BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  ‘’
9. Tom Meeusen BEL (Group Hens-Maes Containers)  ’’
10. Jens Adams BEL (Hollebeekhoeve Cycling Team)  a 52’’
25. Jakob Dorigoni ITA (Selle Italia Guerciotti)  a 3’49’’
 
ORDINE D’ARRIVO DVV TROFEE LILLE-GARA F:
 
1. Ceylin Del Carmen Alvarado NED (Alpecin-Fenix) 
2. Annemarie Worst NED (777)  a 1’’
3. Shirin Van Anrooij NED (Team 185)  a 27’’
4. Inge Van Der Heijden NED (CCC-Liv)  a 29’’
5. Katherine Compton USA (KFC Racing)  a 38’’
9. Alice Maria Arzuffi ITA (777)  a 53’’
12. Eva Lechner ITA (Creafin-Fristads)  a 1’07’’
21. Rebecca Gariboldi ITA (Team Cingolani)  a 2’29’’
 
CLASSIFICA FINALE DVV TROFEE M:
 
1. Eli Iserbyt BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal) 
2. Michael Vanthourenhout BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 5’19’’
3. Mathieu Van der Poel NED (Alpecin-Fenix)  a 7’43’’
4. Corne Van Kessel NED (Tormans Cyclocross Team)  a 8’21’’
5. Lars Van Der Haar NED (Telenet Baloise)  a 12’23’’
6. Tim Merlier BEL (Creafin-Fristads)  a 14’14’’
7. Tom Meeusen BEL (Group Hens-Maes Containers)  a 14’53’’
8. Jens Adams BEL (Hollebeekhoeve Cycling Team)  a 15’52’’
9. Toon Aerts BEL (Telenet Baloise)  a 16’04’’
10. Laurens Sweeck BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 18’19‘’
34. Jakob Dorigoni ITA (Selle Italia Guerciotti)  a 35’03’’
96. Nicola Parenti ITA (Zerosei-Bike Academy)  a 36’14’’
100. Cristian Cominelli ITA (Cycling Cafè Racing Team)  a 36’14’’
 
CLASSIFICA FINALE DVV TROFEE F:
 
1. Ceylin Del Carmen Alvarado NED (Alpecin-Fenix)  
2. Annemarie Worst NED (777)  a 2’16’’
3. Yara Kastelijn NED (777)  a 11’51’’
4. Eva Lechner ITA (Creafin-Fristads)  a 13’27’’
5. Sanne Cant BEL (IKO-Crelan)  a 13’38’’
6. Alice Maria Arzuffi ITA (777)  a 13’57’’
37. Rebecca Gariboldi ITA (Team Cingolani)  a 37’19’’




11/02/2020

Marco Bea


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non pu essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio