Ciclocross 2019/20
Vanthourenhout dirige l'orchestra della Pauwels Sauzen a Meulebeke, Ceolin e Baroni aprono le danze al Giro d'Italia

Vanthourenhout dirige l'orchestra della Pauwels Sauzen a Meulebeke, Ceolin e Baroni aprono le danze al Giro d'Italia
condividi la pagina:

Si torna a parlare fiammingo nel primo weekend di ottobre di ciclocross, con la ripresa delle gare nella madrepatria della specialità. Il campo centrale della due giorni di sfide in Belgio è stato quello di sabato a Meulebeke, secondo round del circuito dell’Ethias Cross, in cui è emerso in maniera chiara il dualismo tra la Telenet Baloise e la Pauwels Sauzen-Bingoal, formazioni di riferimento del circus per quantità e qualità dei propri interpreti. Gli uomini di Jurgen Mattepenningen hanno tuttavia fatto ancora una volta la voce grossa, grazie a Michael Vanthourenhout e ad Eli Iserbyt, bravi ad imbrigliare Toon Aerts e a prendere nell’ordine i primi due gradini del podio. Gli appassionati si sono tuttavia potuti gustare delle interessanti prove anche nel resto del continente, dove si sono disputate le manche inaugurali sia del Giro d’Italia Ciclocross, con le vittorie firmate Selle Italia-Guerciotti di Federico Ceolin e Francesca Baroni, che del challenge elvetico dell’EKZ CrossTour.

 

Terreno asciutto e circuito da grandi andature a Meulebeke, con tutte le implicazioni, o le complicazioni, tattiche del caso. I più aggressivi in partenza sono Daan Soete e Michael Vanthourenhout, ma la prima percussione cattiva della gara viene portata nel 2° giro da Eli Iserbyt, che mette sull’attenti un Toon Aerts molto reattivo in marcatura. Lo scricciolo belga frana però a terra malamente nel salto delle tavole e, con un ginocchio sinistro dolorante, conclude la tornata con addirittura una ventina di secondi dal sestetto di testa, composto da Aerts, Soete, Vanthourenhout, Corne Van Kessel, Quinten Hermans e Jim Aernouts. Iserbyt supera però in fretta il momento difficile e, dopo aver cambiato bici, si getta a testa basta nella rincorsa, mentre davanti è Vanthourenhout a provare la fuga, approfittando anche di un incertezza di Aerts nel settore di sabbia. Nell’arco di un paio di giri il battistrada guadagna un tesoretto di 15’’, grazie anche al fuoco di copertura dei compagni della Pauwels Sauzen-Bingoal, scaltri nel lasciare il pallino dell’inseguimento alle truppe della Telenet Fidea, sorrette però dal solo Hermans, tra l’altro in maniera poco incisiva, nelle fasi centrali della corsa. Capita l’antifona Aerts decide mettersi in proprio nella 7° tornata, senza però riuscire né ad avvicinarsi in maniera sensibile a Vanthourenhout, né a staccare un Iserbyt rientrato nel frattempo sul gruppetto dei contrattaccanti. Una volta messo ghiaccio il primato del compagno è lo stesso Iserbyt a sbarazzarsi del campione belga, ancora con la coperta un po’ corta a livello di gambe, chiudendo alle spalle di un Vanthourenhout al 2° successo consecutivo. Una doppietta con cui la Pauwels Sauzen-Bingoal confermano sia i valori in campo della trasferta nordamericana che l’ottimo stato di salute della squadra, suffragato anche dalla vittoria di Laurens Sweeck domenica nel fango di Pelt.

 

Michael Vanthourenhout esulta sul traguardo di Meulebeke. Il successo dell’atleta di Bruges certifica il dominio della Pauwels Sauzen—Bingoal in questo avvio di stagione. (foto Ethias Cross)

 

Domenica è stata invece tenuta a battesimo la stagione invernale nel nostro paese, con la prima tappa del Giro d’Italia Ciclocross. La manifestazione patrocinata dalla ASD Romano Scotti ed articolata per la sua 11° edizione in 6 prove, di cui una internazionale a Jesolo, è scattata da una delle sue location più consolidate come il Parco delle Molazzete di Ferentino. Il tracciato veloce ha esaltato i portacolori della Selle Italia-Guerciotti, che hanno fatto bottino pieno nelle due gare regine di giornata grazie a Federico Ceolin e Francesca Baroni. Il veneto classe 2000, new entry del team diretto da Vito Di Tano, ha salutato il resto della compagnia nelle fasi iniziali, resistendo poi ai tentativi di rientro dei più esperti Stefano Capponi e Martino Fruet, giunti rispettivamente al 2° e al 3° posto. Lotta all’ultimo respiro invece tra le donne, dove la Baroni ha primeggiato soltanto allo sprint nei confronti di Sara Casasola, che nella tornata conclusiva si era spesa per mettere in fila un terzetto di testa composto anche da Gaia Realini, salita sul gradino più basso del podio. Questa settimana abbiamo raggiunto la quasi 19enne versiliese della Selle Italia-Guerciotti, che ci ha parlato in esclusiva del significato di questo successo, arrivata dopo una primavera-estate di stop dalle competizioni e tutt’altro che semplice sul piano emotivo: “Quella di domenica per me è una vittoria davvero speciale, non soltanto perché mi ha permesso per la prima volta in carriera di indossare la maglia rosa. Sento di doverla dedicare in particolare a tutte le persone che mi hanno sostenuto nei momenti difficili di quest’ultimi mesi, nessuno escluso. Non mi aspettavo affatto di essere così competitiva già alla prima uscita, anche perché non avevo riferimenti precisi né sulla mia condizione, né su quella delle avversarie. Sono contenta di aver avvertito delle buone sensazioni per tutta la gara, ma ciò non toglie che ci sia ancora tanta strada da fare per tornare al top in via definitiva. Adesso ci sarà da lavorare sodo sotto tutti gli aspetti per ottenere altri risultati e guadagnarsi la convocazione agli Europei di Silvelle. Al momento non conosco ancora nel dettaglio i programmi del team. Senza dubbio sarò al via di tutti gli appuntamenti principali in Italia, nella speranza di poter fare pure qualche uscita all’estero. Prima di qualsiasi scelta più precisa bisognerà valutare come risponderanno le mie gambe nelle prossime settimane”.

 

La maglia rosa di Francesca Baroni splende sul podio di Ferentino. Al suo fianco spiccano il tricolore Under 23 di Sara Casasola e la maglia bianca di miglior giovane di Lucia Bramati, oltre alla 3° classificata Gaia Realini. (foto Giro d’Italia Ciclocross)

 

 

Nel weekend è stato infine inaugurato anche il circuito svizzero dell’EKZ CrossTour, quest’anno con un format ridotto a sole 3 tappe. Nell’evento inaugurale di Aigle si è messo in luce in primis il belga Vincent Baestaens, che ha avuto ragione dello spagnolo Felipe Orts Lloret soltanto al termine di un duello durato fino agli ultimi metri di gara. Terza piazza invece per Dieter Vanthourenhout, apparso il più in palla in questo avvio di stagione tra i rappresentanti della vecchia guardia. In campo femminile terzo acuto consecutivo, dopo la doppietta casalinga della scorsa settimana, per la francese Perrine Clauzel, mattatrice di una corsa in cui si sono ben difese pure le nostre Silvia Persico e Rebecca Gariboldi, 4° e 6° nell’ordine al traguardo.

 

Silvia Persico in azione sulla sezione di sabbia del circuito di Aigle. La lombarda ha bagnato il suo esordio stagionale con un buon 4° posto. (foto EKZ CrossTour)

 

  

ORDINE D’ARRIVO ETHIAS CROSS MEULEBEKE-GARA M:

1. Michael Vanthourenhout BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  
2. Eli Iserbyt BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 6’’
3. Toon Aerts BEL (Telenet Baloise)  a 20’’
4. Daan Soete BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 40’’
5. Lars Van Der Haar NED (Telenet Baloise)  a 45’’
 
ORDINE D’ARRIVO GIRO D’ITALIA CICLOCROSS FERENTINO-GARA M:

1. Federico Ceolin ITA (Selle Italia Guerciotti)
2. Stefano Capponi (Pro Bike Riding Team)
3. Martino Fruet ITA (Team Lapierre)
4. Antonio Folcarelli ITA (Race Mountain Folcarelli)
5. Luca Cibrario ITA (Cycling Development Guerciotti)

ORDINE D’ARRIVO GIRO D’ITALIA CICLOCROSS FERENTINO-GARA F:

1. Francesca Baroni ITA (Selle Italia Guerciotti)
2. Sara Casasola ITA (ASD DP66)
3. Gaia Realini ITA (Vallerbike)
4. Anna Oberparleiter ITA (Team Lapierre)
5. Nicole Fede ITA (Selle Italia Guerciotti) 

CLASSIFICA GENERALE GIRO D’ITALIA CICLOCROSS M (dopo 1 evento su 6):

1. Federico Ceolin ITA (Selle Italia Guerciotti)  30 punti 
2. Stefano Capponi (Pro Bike Riding Team)  26 pt.
3. Martino Fruet ITA (Team Lapierre)  22 pt.
4. Antonio Folcarelli ITA (Race Mountain Folcarelli) 19 pt.
5. Luca Cibrario ITA (Cycling Development Guerciotti)  16 pt.

CLASSIFICA GENERALE GIRO D’ITALIA CICLOCROSS F (dopo 1 evento su 6):

1. Francesca Baroni ITA (Selle Italia Guerciotti)  30 punti
2. Sara Casasola ITA (ASD DP66)  26 pt.
3. Gaia Realini ITA (Vallerbike)  22 pt.
4. Anna Oberparleiter ITA (Team Lapierre)  19 pt.
5. Nicole Fede ITA (Selle Italia Guerciotti)  16 pt.

ORDINE D’ARRIVO EKZ CROSSTOUR AIGLE-GARA M:
 
1. Vincent Baestaens BEL (Group Hens-Maes Containers)
2. Felipe Orts Lloret ESP (Cyclo-Cross Team Teika)  a 1’’
3. Dieter Vanthourenhout BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  a 20’’
4. Loris Rouiller SUI (Corendon-Circus)  a 26’’
5. Wietse Bosmans BEL (Creafin-Tuv Sud)  a 29’’
6. Timon Ruegg SUI (Swiss Racing Academy)  a 39’’
7. Lukas Fluckiger SUI (BMC MTB Racing)  a 54’’
8. Steve Chainel FRA (Team Chazal-Canyon)  a 1’04’’
9. Simon Zahner SUI (Team EKZ)  a 1’18’’
10. Antoine Benoist FRA (Corendon-Circus)  a 1’24’’
21. Nicolas Samparisi ITA (KTM Alchemist)  a 3’01’’
33. Lorenzo Samparisi ITA (KTM Alchemist)  a 5’02’’

ORDINE D’ARRIVO EKZ CROSSTOUR AIGLE-GARA F:
 
1. Perrine Clauzel FRA (AS Bike Cross Team) 
2. Zina Barhoumi SUI (RSC Aaretal Munsigen)  a 26’’
3. Line Burquier FRA (Vtt Pays de Gavot)  a 47’’
4. Silvia Persico ITA (L’equilibrio MTB School)  ‘’
5. Pavla Havlikova CZE (KC Kooperativa Jablonec)  ‘’
6. Rebecca Gariboldi ITA (Team Cingolani)  a 53’’
25. Marta Zanga ITA (KTM Alchemist)  -1 LAP
27. Giulia Challancin (ASD Team Bramati)  -1 LAP
39. Francesca Cauz ITA (ASD Team Bramati)  -1 LAP

CLASSIFICA GENERALE EKZ CROSSTOUR M (dopo 1 evento su 3):
 
1. Vincent Baestaens BEL (Group Hens-Maes Containers)  100 punti 
2. Felipe Orts Lloret ESP (Cyclo-Cross Team Teika)  80 pt.
3. Dieter Vanthourenhout BEL (Pauwels Sauzen-Bingoal)  70 pt.
4. Loris Rouiller SUI (Corendon-Circus)  65 pt.
5. Wietse Bosmans BEL (Creafin-Tuv Sud)  60 pt.
6. Timon Ruegg SUI (Swiss Racing Academy)  58 pt.
7. Lukas Fluckiger SUI (BMC MTB Racing)  56 pt.
8. Steve Chainel FRA (Team Chazal-Canyon)  54 pt.
9. Simon Zahner SUI (Team EKZ)  52 pt.
10. Antoine Benoist FRA (Corendon-Circus)  50 pt.
21. Nicolas Samparisi ITA (KTM Alchemist)  28 pt.
33. Lorenzo Samparisi ITA (KTM Alchemist)  4 pt.

CLASSIFICA GENERALE EKZ CROSSTOUR M (dopo 1 evento su 3):
 
1. Perrine Clauzel FRA (AS Bike Cross Team)  100 punti
2. Zina Barhoumi SUI (RSC Aaretal Munsigen)  80 pt.
3. Line Burquier FRA (Vtt Pays de Gavot)  70 pt.
4. Silvia Persico ITA (L’equilibrio MTB School)  65 pt.
5. Pavla Havlikova CZE (KC Kooperativa Jablonec)  60 pt.
6. Rebecca Gariboldi ITA (Team Cingolani)  58 pt.
25. Marta Zanga ITA (KTM Alchemist)  20 pt.
27. Giulia Challancin (ASD Team Bramati)  10 pt.
39. Francesca Cauz ITA (ASD Team Bramati)  1 pt.

 






07/10/2019

Marco Bea


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio