Presentazione squadre ciclismo 2016
Team Dimension Data

Team Dimension Data
condividi la pagina:

Come direbbe il compianto Vujadin Boskov: squadra che vince non si tocca. Il Team Dimension Data mantiene essenzialmente la struttura granitica cucita su misura per le volate di Mark Cavendish. Pochi i cambi in squadra, sia in entrata che in uscita per l'unica compagine africana del World Tour.

Cinque i nuovi arrivi: dalla Cannondale-Drapac arriva il solido statunitente Benjamin King, eterna promessa del ciclismo a stelle e strisce, vincitore anche di un titolo nazionale in carriera nel 2010; dalla Jelly Belly torna nel World Tour (dopo due anni passati alla Garmin-Sharp dal 2013 al 2014) Lachlan Morton, lo scalatore australiano è atteso per un definitivo salto di qualità dopo un 2016 incoraggiante in cui si è anche imposto nel Tour of Utah; dalla tedesca Bora-Argon 18 arriva il britannico Scott Thwaites, altro nome forte in prospettiva soprattutto per le gare da un giorno (quest'anno è entrato nella top 10 in gare difficili come la Dwars door Vlaanderen, la Kuurne-Bruxelles-Kuurne e Le Samyn); infine fanno l'ingresso nel ciclismo che conta i due giovani esordienti Ryan Gibbons (dal vivaio del team sudafricano) e Ben O'Connor (dall'Avanti IsoWhey Sports).

Ad andare via sono solo in quattro: l'irlandese Matthew Brammeier ha sposato il progetto Aqua Blue Sport; Cameron Meyer risulta a oggi svincolato e forse per lui si prospetta un ritorno al grande amore della pista, in cui è uno dei migliori; il sudafricano Songezo Jim si è trasferito nel Kuwait, con la stessa compagine in cui andranno a correre Davide Rebellin e Stefan Schumacher; infine quella che forse è la perdita più grave per la squadra e cioè il bielorusso Kanstantsin Siutsou che nel 2016 ha centrato la top 10 al Giro d'Italia e che per il 2017 ha accettato la corte del Bahrein con Nibali e compagni.

Per il resto, quindi, la squadra è essenzialmente la stessa. Nei Grandi Giri si punterà soprattutto alle tappe con il capitano Mark Cavendish che può contare su un fenomenale treno in genere composto dall'austriaco Bernhard Eisel, dal sudafricano van Rensburg e dal semper fidelis australiano Mark Renshaw. ultimo uomo da una vita di Cannonball. 

Massima attenzione anche alle potenti fughe, spesso vincenti, di Stephen Cummings (vincitore di tappa nel Tour de France 2016), senza dimenticare le pericolosi incursioni del nostro Kristian Sbaragli (unico italiano del roster), dello spagnolo Omar Fraile (spesso impegnato anche per le classifiche dedicate agli scalatori), dell'eritreo Daniel Teklehaimanot e dell'algerino Youcef Reguigui, ma soprattutto del norvegese Edvald Boasson-Hagen. A mirare invece alla classifica in chiave Grandi Giri i designati potrebbero essere lo spagnolo Igor Antòn (già due volte top ten alla Vuelta), il belga Serge Pauwels (tredicesimo al Tour de France 2015) e lo stesso Lachlan Morton.

Non ci sono dubbi invece per chi sarà il capitano alle Grandi Classiche. Occhi puntati sul già citato Edvald Boasson-Hagen, capace di entrare tra i primi dieci a Sanremo e Roubaix e che in bacheca già vede una Gand-Wevelgem e una Vattenfall Cyclassics, a fargli da eventuali vice ci sono pronti come detto prima il britannico Scott Thwaites, lo stesso Cavendish (in caso di percorso non troppo vallonato e gara non troppo dura) e il redivivo Tyler Farrar (qualora l'americano riuscisse a risolvere i problemi in cui è incappato nelle ultime stagioni e quindi a tornare sui livelli del 2010 in cui riuscì a vincere due tappe al Giro d'Italia, due tappe alla Vuelta, una Vattenfall Cyclassics e un quinto posto al Giro delle Fiandre.

A completare la rosa troviamo gli eritrei Natnael Berhane, Mekseb Debesay e Merhawi Kudus, tre ottimi scalatori dal grande potenziale, ma dalle ancora acerbe capacità tattiche e d'interpretazione delle corse. Il rwandese Adrien Niyonshuti e i sudafricani Jaco Venter, Johann Van Zyl, Jay Robert Thomson, Jacques van Rensburg e Nick Dougall sono tutti ottimi gregari pronti a mettersi di volta in volta a disposizione del capitano di turno.

IL MERCATO

Acquisti: Ryan Gibbons (neopro'), Benjamin King (Cannondale-Drapac), Lachlan Morton (Jelly Belly p/b Maxxis), Ben O'Connor (neopro'), Scott Thwaites (Bora-Argon 18)
 
Cessioni: Theo Bos (fine contratto), Matthew Brammeier (Aqua Blue Sport), Songezo Jim (fine contratto), Cameron Meyer (svincolato), Kanstantsin Siutsou (Bahrain-Merida)
 
LA ROSA

Igor Anton Hernandez Dimension Data
Natnael Berhane Dimension Data
Edvald Boasson Hagen Dimension Data
Mark Cavendish Dimension Data
Stephen Cummings Dimension Data
Mekseb Debesay Dimension Data
Nicholas Dougall Dimension Data
Bernhard Eisel Dimension Data
Tyler Farrar Dimension Data
Omar Fraile Matarranz Dimension Data
Ryan Gibbons Dimension Data
Nathan Haas Dimension Data
Jacques Janse Van Rensburg Dimension Data
Reinardt Janse Van Rensburg Dimension Data
Benjamin King Dimension Data
Merhawi Kudus Dimension Data
Lachlan Morton Dimension Data
Adrien Niyonshuti Dimension Data
Ben O'Connor Dimension Data
Serge Pauwels Dimension Data
Youcef Reguigui Dimension Data
Mark Renshaw Dimension Data
Kristian Sbaragli Dimension Data
Daniel Teklehaimanot Dimension Data
Jay Robert Thomson Dimension Data
Scott Thwaites Dimension Data
Johann Van Zyl Dimension Data
Jacobus Venter Dimension Data




06/01/2017

Ciro Marino


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non pu˛ essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio