Stagione 2020
Dilemma INEOS. Bernal: Voglio il bis al Tour, ma il Giro è speciale. Froome: il più forte sarà il leader

Dilemma INEOS. Bernal: Voglio il bis al Tour, ma il Giro è speciale. Froome: il più forte sarà il leader

(foto: Bettini)

condividi la pagina:

Problemi di abbondanza per il Team INEOS in vista del 2020. In seno alla corazzata britannica ancora non sono chiari i programmi e le gerarchie per i Grandi Giri della prossima stagione, ma con l'incredibile lotto di possibilità che il General Manager Dave Brailsford si è creato non sarà facile gestire tanti galli in un solo pollaio.

A margine del Criterium di Saitama il portale Cyclingnews.com ha avvicinato il campione uscente del Tour de France Egan Bernal che non ha nascosto le proprie ambizioni. "Il percorso del Giro d'Italia è veramente speciale - ha dichiarato il colombiano – Ci sono tre cronometro, quindi sarà difficile per me specialmente in quella conclusiva; ma ci sono anche delle tappe molto lunghe, che mi piacciono, penso che siano importanti nel ciclismo. Inoltre ci sono molte salite lunghe. Penso che sia un percorso completo con cronometro, tappe lunghe, salite lunghe. Mi piace molto". Il sudamericano classe '97 non sembra però voler mollare tanto facilmente il trono della Grande Boucle:"Certo, voglio tornare al Tour, ma mi piacerebbe molto anche fare il Giro. Non voglio prendere una decisione ora o iniziare a pensare a una corsa, perché non penso che al momento sia una buona idea pensare ‘farò il Giro’o ‘farò il Tour'. Al momento, preferisco non pensarci. Sto riposando e preferisco godermelo piuttosto che pensare al prossimo anno. Le ultime due stagioni ho preferito fare solo un Grande Giro, ma forse l’anno prossimo mi piacerebbe farne due. Dipenderà da come finirò il primo che faccio. Se esco molto stanco, forse non andrò al Tour. Ma se sono fresco… beh, non fresco, ma se sentirò di poter andare al Tour, per aiutare o forse per provare a fare classifica, sicuramente chiederò alla squadra di andare“.

L'altro lato della medaglia è rappresentato da Chris Froome, che senza mezze misure punta a conquistare il quinto Tour de France come riuscito soltanto a Hinault, Merckx, Indurain e Anquetil. Il britannico riconosce però il valore del proprio giovanissimo compagno di squadra e si dice pronto a collaborare con lui. "Tra me e Egan non ci sarà alcun problema. La questione è molto chiara: chi sarà il più forte sarà il leader - ha dichiarato il britannico a Ciclismo Internacional - È chiaro a tutti e sarà così. Bernal è una persona che è passato da poco anni al professionismo e ha già vinto il Tour, mentre Thomas è più simile a me, gli ci è voluto molto per vincere la corsa." Sul suo stato di forma poi il vincitore della tripla corona ha proseguito:"Ho ancora alcuni doloriNon sono al 100%, ci vorranno ancora diverse settimane prima di tornare al top della forma., penso non prima di febbraio febbraio. L’importante sarà avere la condizione ideale al Tour, il mio obiettivo principale. In questi giorni ho anche avuto provato il percorso delle Olimpiadi, sarà durissimo. È molto esplosivo, ideale per gli scalatori, dunque per me sarà uno dei grandi obiettivo dopo il Tour".

In tutto ciò si inseriscono le ambizioni di altri due big come Geraint Thomas e Richard Carapaz (senza contare i vari Sosa, Sivakov, Moscon, Kwiatkowski....). Il vincitore del Tour 2018 vedendosi chiuso alla Grande Boucle potrebbe puntare con decisione sul Giro, che presenta un percorso estremamente adatto alle sue caratteristiche. Anche Carapaz ha dichiarato alla presentazione del tracciato che gli piacerebbe difendere la maglia rosa conquistata nello scorso maggio; l'ecuadoriano comunque sembra intenzionato ad entrare nel pianeta INEOS in punta di piedi e potrebbe limitarsi ad un ruolo di gregariato / seconda punta al Giro per poi ripiegare magari sulla Vuelta.





28/10/2019

Diretta Ciclismo


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio