Strade Bianche 2019
Meraviglia Van Vleuten a Siena. Buon quarto posto per Marta Bastianelli

Meraviglia Van Vleuten a Siena. Buon quarto posto per Marta Bastianelli

(foto: Claudio Bergamaschi)

condividi la pagina:

Mentre il suo nome risuonava ancora dal microfono degli speakers in Piazza del Campo a Siena, Annemiek Van Vleuten (Mitchelton-Scott)stretta nell'abbraccio dello staff, tirava un urlo al cielo. La Strade Bianche 2019 è sua: nessuna ragazza del plotone è riuscita a frenare la sua furia nella polvere sabbiosa delle campagne senesi. A comporre il podio Annika Langvald (Boels DolmansKatarzyna Niewiadoma (Canyon Sram Racing): le due sono giunte sul traguardo rispettivamente con 37" e 40" di ritardo. 

Lo stacco temporale tra la partenza e l'arrivo è segnato dai così delle ragazze: dal sorriso alla polvere e alle lacrime a coprire il volto. Una gara veloce e nervosa: un arrivo che ha visto più atlete accasciarsi a terra stremate dalla fatica, col fiatone e dolore ovunque: quasi a riappacificarsi con una pavimentazione piastrellata dopo tanta sabbia. Servono diversi minuti prima le atlete, riposatesi, possano essere accompagnate alla cerimonia premiazione. Solo una non ha apparentemente bisogno di rifiatare: è la vincitrice Annemiek Van Vleuten. A tutta sino sul traguardo l'olandese si concede l'alzata delle braccia dopo la fettuccia bianca. Il suo attacco è avvenuto in un punto cruciale di gara: lo strappo di Le Tolfe. Servirebbero gambe eccezionali e tempismo perfetto per tenere la sua ruota: la risposta di Langvald e Niewiadoma dimostra che le gambe ci sono, l'attimo fuggente però è scappato. Con lui la vincitrice del Giro Tosa 2018. 

L'ordine d'arrivo mette in fila atlete di rilevanza internazionale: prima Van Vleuten, seconda Langvald, terza Niewiadoma, quarta Bastianelli e quinta una stremata Cecilie Ludwig. Diverse le note che giungono da questa prova: Van Vleuten si dimostra, se mai ce ne fosse bisogno, una atleta degna dei migliori palmares: grandi giri, mondiali, cronometro, pista e anche classiche di inizio stagione. Niewiadoma non riesce a sconfiggere la maledizione della Strade Bianche: dopo due secondi posti consecutivi si aggiudica un terzo posto. Marta Bastianelli dimostra invece di avere un'ottima gamba anche su terreni a lei non consoni: il proseguo di stagione ci dirà fino a che punto potrà arrivare la campionessa europea. 

Per il plotone solo applausi: le guerriere della bicicletta hanno dato spettacolo anche questa volta. Siena ringrazia. Chapeau.





09/03/2019

Stefano Zago


condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non pu essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio