Uci
l'UCI guarda al futuro: invito alle federazioni africane per organizzare il Mondiale 2025

l'UCI guarda al futuro: invito alle federazioni africane per organizzare il Mondiale 2025
condividi la pagina:

Si espandono i confini sia temporali che geografici per l'UCI. Il massimo organismo del ciclismo internazionale ha emesso quest'oggi un comunicato con cui invita le federazioni dell'Africa a farsi avanti per organizzare il Campionato del Mondo 2025.

Lo sbarco della rassegna iridata nel continente nero era uno dei punti cruciali nel programma elettorale del presidente dell'UCI David Lappaertient e dopo i proclami il manager francese ha deciso di passare ai fatti. La speranza degli organi governativi è che qualcuna fra le 50 federazioni affiliate alla CAC (Confiderazione Africana di Ciclismo) presenti la propria candidatura entro il termine massimo fissato nel settembre 2019; il occasione del successivo Mondiale in Yorkshire avverrà poi l'assegnazione della rassegna 2025.

L'organizzazione del più grande evento UCI in Africa nel 2025 rappresenterà un fondamentale passo avanti nella popolarità del nostro sport – scrive Lappartient – Sarà un’occasione per vedere i corridori migliori al mondo, centinaia di giornalisti e centinaia di migliaia di tifosi  tutti assieme per la prima volta in Africa nell’arco degli otto giorni di gare. Invito quindi fortemente le federazioni nazionali, insieme alle possibili città ospitanti, a presentare richiesta per organizzare questo evento storico. Siamo entusiasti di vedere l’Africa ospitare i Mondiali e dare al continente l’opportunità di dimostrare la sua passione e il suo impegno nel ciclismo. Non vediamo l’ora di unirci agli appassionati  per assistere a questo evento”.





27/07/2018

Matteo Pierucci


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio