Giro di Catalogna 2016
Percorso insidioso al Giro di Catalogna; attenzione al temibile Port de Ainè

Percorso insidioso al Giro di Catalogna; attenzione al temibile Port de Ainè
condividi la pagina:

Scatta oggi la novantaseiesima edizione del Giro di Catalogna, storica corsa che nei suoi anni di storia ha messo insieme un albo d'oro di tutto rispetto; ricordiamo fra gli altri Chiappucci, Moser prima di arrivare a Valverde, Contador e Porte oltre ad altri nomi memorabili. Da sempre nella sua lunga storia il percorso presentato è stato mosso, ricco di sorprese, strappi, scalate e discese che hanno fatto la differenza nella corsa Catalana; agli organizzatori il merito di presentare un percorso variegato ogni anno che lascia presagire grandi cose, per questo i nomi importanti saranno lì a giocarsela in questo Marzo ricchissimo di appuntamenti.

Il via è oggi per un totale di 175,8 chilometri con sede di partenza e arrivo nella cittadina di Calella ma già con un percorso ondulato: ben cinque gran premi della montagna, strano se pensiamo ad una prima frazione di una corsa a tappe. Al secondo giorno invece il plotone affronterà le strade della Girona, con un percorso che potrebbe già sorridere a qualche uomo importante: da Mataró ad Olot sono 178,7 i chilometri con il gran premio della montagna di Alt de Els Angels e un interessante arrivo in leggera salita.

Mercoledì 23 marzo il gruppo riprenderà il cammino da Girona verso La Molina, sono 172,1 chilometri, non moltissimi ma infarciti di difficoltà. Tre gran premi della montagna disseminati lungo il percorso e arrivo in quota; ci saranno attacchi e selezione. La notte prima della quarta tappa regalerà un poco di riposo ai ciclisti ma anche molte preoccupazioni, soprattutto a quelli meno in forma, il giorno dopo arriva il temibile Port Ainè. I dati ci parlano di una delle salite in assoluto più difficili da affrontare, 1650 metri è l'altitudine, dopo 172,3 chilometri dalla partenza di Bagà  e già tre ascese nelle gambe

Si approssima il fine settimana in corsa. Venerdì tappa tranquilla di 187,2 chilometri con partenza da Rialp e arrivo a Valls; tregua per gli uomini di classifica anche il giorno successivo, Sabato 26 Marzo in cui a giocarsi la Sant Joan Despi- Villanova i la Geltru di ben 197,2 saranno gli sprinter. Chiusura Domenica 27 a Barcellona, come usuale per la rassegna catalana, 137,4 chilometri e un percorso cittadino da ripetere otto volte ma attenzione, nulla sarà scontato a questo punto: il promontorio del Montjuic ha regalato sorprese ogni volta in cui lo si è affrontato. Poi i festeggiamenti e i primi resoconti in vista di una stagione che si sta accendendo.





21/03/2016

Stefano Zago


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio