Il Lombardia 2018
Percorso impegnativo anche senza il San Fermo della Battaglia

Percorso impegnativo anche senza il San Fermo della Battaglia

(foto: Bettini)

condividi la pagina:
La "classica delle foglie morte" vuol dire sempre ed innanzitutto finale di stagione. È così che l'edizione numero 112 de "Il Lombardia" manderà in archivio la stagione ciclistica 2018 e aprirà un varco all'immaginazione per la stagione 2019, tutta da scoprire. Niente rilassamento però: chiudere la stagione con il Giro di Lombardia vuol dire sempre e comunque fatica. Del resto l'albo d'oro della corsa d'autunno parla da solo; dall'edizione del 1905 vinta dal diavolo rosso Giovanni Gerbi hanno trionfato solo grandi nomi. Citiamo in ordine sparso Binda, Bobet, Van Loy, Motta, Merckx, sino ad arrivare ai più recenti Bartoli, Bettini, Cunego e allo squalo dello stretto Vincenzo Nibali che con il trionfo dello scorso anno ha messo in cassaforte una bellissima doppietta. Insomma le strade lombarde hanno sempre incoronato dei campioni: quest'anno quelle strade non saranno da meno con i 241 chilometri che uniranno Bergamo, città di partenza, a Como, città di arrivo. 

Il percorso è simile a quello usuale degli ultimi anni ma presenta poche novità che potrebbero però risultare decisive ai fini del l'assegnazione della corsa. Non si transiterà, causa problemi di viabilità, dal San Fermo della Battaglia, punto cruciale della gara in più di una occasione. Dopo la partenza da Bergamo in direzione sud si affronteranno nell'ordine: il colle San Gallo, 763 m, il Colle Brianza, 533 m, l'arcigna salita del Ghisallo, 754 m e pendenze con punte del 14%, Colma di Sormano e Muro di Sormano, 2 chilometri con pendenze medie intorno al 15 % ma con punte del 25% e del 30% in alcuni tratti all'interno del bosco. Siamo circa a 50 chilometri dal traguardo. Da qui il plotone affronterà il Civiglio, 614 m, con una pendenza media del 10%: qui chi non avrà gambe sarà definitivamente tagliato fuori. L'ultima difficoltà sarà quella di Monte Olimpino a circa tre chilometri dal traguardo. Arrivati al culmine dell'ascesa finale breve discesa e passaggio a Como per tagliare il traguardo finale della centenaria corsa che chiude il sipario sulla stagione ciclistica su strada.  




12/10/2018

Stefano Zago


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio