Tour de France 2018
Presentazione delle tappe, la via per la maglia gialla (1-7)

Presentazione delle tappe, la via per la maglia gialla (1-7)
condividi la pagina:

Iniziamo la nostra analisi sul percorso del Tour de France 2018 con un focus dettagliato sulle prime 7 frazioni. La Grande Boucle inizierà dalla Vandea, nell'ovest della Francia, con un paio di tappe pianeggianti ma ricche di insidie. I primi scossoni alla classifica generale saranno dati dalla cronometro a squadre di Cholet e da due frazioni ondulate  che emetteranno i primi verdetti sugli uomini da classiche ma anche sui pretendenti alla maglia gialla finale.

Clicca qui per la seconda parte (Tappe 8-14)

Clicca qui per la terza parte (Tappe 15-21)

Clicca qui per tutte le altimetrie


07/07/2018 Tappa 1 Noirmoutier-en-l'Île / Fontenay-le-Comte 201 km Pianeggiante *

Il Tour 2018 inizierà dalla Vandea, una delle regioni più battute dalla Grande Boucle negli ultimi decenni. La partenza avverrà sull'isola di Noirmoutier come nel 2005 quando nella cronometro inaugurale Lance Armstrong umiliò Jan Ullrich recuperandogli un minuto e raggiungendolo in meno di 20 chilometri. Stavolta però il Grand Depart avverrà con una frazione in linea di 201 chilometri; i corridori saluteranno l'isolotto nell'Atlantico attraverso il suggestivo Passage du Gois per dirigersi poi verso sud sempre costeggiando il lungomare. Il litorale atlantico che terrà compagnia alla carovana per oltre 170 chilometri rischia di presentare la principale insidia di questa tappa completamente piatta: il vento; gli uomini di classifica dovranno stare in guardia fin dalle primissime pedalate per non farsi sorprendere e partire con un grosso handicap. L'unica asperità di giornata, la Côte de Vix, è una collinetta utile soltanto ad assegnare la maglia ciclamino, dunque se il vento non mieterà vittime eccellenti sul traguardo di Fontenay-le-Comte assisteremo ad uno sprint.

8200_01.jpg

 

08/07/2018 Tappa 2 Mouilleron-Saint-Germain / La Roche-sur-Yon 182.5 km Pianeggiante *

La tappa numeri 2 offre meno spunti rispetto alla prima frazione; il disegno altimetrico rimane quasi completamente piatto ma in questa giornata anche la planimetria non prospetta grandi insidie. I corridori ripartiranno da Mouilleron-Saint-Germain e dopo soli 28 chilometri incontreranno l'unica, risibile difficoltà altimetrica di giornata, la Côte de Pouzages. In seguito soltanto pianura fino al traguardo di La Roche-sur-Yon, sempre in Vandea, dove presumibilmente la disputa si risolverà in volata.

8201_02.jpg

 

09/07/2018 Tappa 3 Cholet / Cholet 35.5 km Cronometro a squadre ***

Dopo sette anni di assenza la cronometro a squadre tornerà ad essere presente nel tracciato del Tour. I treni delle formazioni si sfideranno lungo 35.5 chilometri con partenza ed arrivo a Cholet, nel dipartimento di Maine-et-Loire. Il tracciato presenta vari saliscentdi soprattutto nella fase centrale, fra il primo intermedio (al km 13) e il secondo (al km 26.5). I corridori pedaleranno quasi sempre su lunghi rettilinei che dovrebbero favorire le formazioni più avvezze in questo genere di prove. Si tratta di una cronometro lunga ed esigente in cui si potrebbero registrare distacchi significativi fra le varie squadre.

8202_03.jpg

 

10/07/2018 Tappa 4 La Baule / Sarzeau 195 km Pianeggiante *

La carovana ripartirà per la quarta tappa da La Baule, dove nel 1988 Guidone Bontempi vinse il cronoprologo del Tour. Il gruppo si dirigerà verso nord lungo 195 sostanzialmente piatti; gli unici saliscendi saranno fra i -70 e i -35 compreso il GPM di quarta categoria di Côte de Saint-Jean-la-Poterie. Gli ultimi chilometri però saranno tutti pianeggianti e tendenzialmente rettilinei per cui è lecito attendersi un nuovo sprint a Sarzeau, cittadina bretone di cui è sindaco nientemeno che il presidente UCI David Lappartient.

8203_04.jpg

 

11/07/2018 Tappa 5 Lorient / Quimper 204 km Pianeggiante ***

Una delle poche tappe intermedie di questo Tour sarà la numero 5, 204 chilometri da Lorient a Quimper. La frazione può essere divisa in due parti, una più semplice e una ondulata. Nei 95 chilometri iniziali i corridori incontreranno soltanto pianura, fino al traguardo volante di Roudouallec; in questo frangente l'unico inconveniente potrà essere rappresentato dal vento che spira lungo le coste oceaniche. In seguito la carovana si addentrerà verso l'interno della Bretagna in un continuo saliscendi; in totale gli organizzatori hanno segnato cinque GPM (2 di quarta categoria e 3 di terza) ma i corridori non  incontreranno neppure un metro di pianura per oltre 100 chilometri. Anche l'arrivo sarà movimentato con lo strappo della Côte de Stangh Bihan (1000 metri al 4.8%) attraverso le strade di Quimper. Si tratta di una ghiotta occasione per i tanti uomini da classiche presenti a questo Tour, ma anche i big della generale dovranno stare attenti a non farsi sorprendere da qualche buco.

8204_05.jpg

 

12/07/2018 Tappa 6 Brest / Mûr de Bretagne Guerlédan 181 km Media montagna ***

Per la terza volta negli ultimi otto anni il Tour de France torna a fare tappa a Mûr-de-Bretagne, uno dei traguardi più spettacolari nelle scorse edizioni. Per oltre 150 chilometri la tappa non offre grandi spunti, soltanto un paio di GPM di scarsa difficoltà. A differenza delle scorse esperienze i corridori dovranno scalare due volte il Mûr-de-Bretagne nel finale; il primo passaggio avverrà ai -16, poi una veloce discesa per tornare ai piedi di questa asperità di 2000 metri alla pendenza media del 6.9%. Nel 2011 la battaglia fu fra gli uomini di classifica con la futura maglia gialla Evans che superò Contador e Vinokourov; nel 2015 invece Vuillemoz sorprese due specialisti delle Ardenne come Dan Martin e Valverde.

8205_06.jpg

 

13/07/2018 Tappa 7 Fougères / Chartres 231 km Pianeggiante **

La settima tappa si presenta come la tipica tappa di trasferimento del Tour; l'unica difficoltà sarà rappresentata dal chilometraggio (ben 231 chilometri, la più lunga di questa edizione) ma per il resto i corridori avranno ben pochi grattacapi. Sicuramente sarà lasciata andare una fuga i cui componenti si batteranno per l'unico, risibile GPM di giornata (Côte  de Buisson de Perseigne) per poi essere ripresi in vista dell'inevitabile sprint. Il rettilineo finale di Chartres sarà in leggera ascesa e questo potrebbe rimescolare i valori in volata.

8206_07.jpg





03/07/2018

Diretta Ciclismo


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio