Etoile de Bessèges 2019
Tre volate e una crono, tanti italiani in corsa

Tre volate e una crono, tanti italiani in corsa
condividi la pagina:

Di ottimo livello la startlist per la 49esima edizione della Etoile de Besseges. Saranno le 5 le squadre appartenenti al World Tour (Lotto Soudal, EF Education First, Groupama-FDJ, Ag2r La Mondiale e Trek-Segafredo) che si daranno battaglia sul tracciato francese. Sarà assente, invece, Tony Gallopin, campione uscente ma non mancano i corridori che sono chiamati a un ruolo da protagonista.

Il percorso

Il panorama dell'Occitania, nel sud della Francia, non offre grandi spunti altimetrici ed infatti le quattro frazioni presentato solo brevi salitelle. La tappa inaugurale misura 145 km da Bellegarde a Beaucaire e presenta solo un paio di strappi inferiori al chilometro di lunghezza. Ancor più facile la seconda frazione, la Saint-Geniés-de-Malgoires - La Calmette di 154 chilometri che ad esclusione di un paio di zampellotti nel settore centrale si presenta completamente piatta. Stesso discorso per la terza ed ultima frazione in linea con partenza ed arrivo a Bessèges: i corridori dovranno scalate due volte la Cote de Majanne le Clap (5500 metri al 3%) ma sembra troppo poco per creare selezione.

Ecco che la graduatoria generale verrà scritta con ogni probabilità nella cronometro finale di 10700 metri; lungo le strade di Alès gli atleti percorreranno prima 9 chilometri pianeggianti e poi lo strappo conclusivo breve ma piuttosto ripido. 

I favoriti

Non è facile indovinare un pronostico in questa gara, ma proviamo a fare dei nomi: senza dubbio il più quotato in chiave classica generale è l'olandese Bauke Mollema, anche se il tracciato non rispecchia esattamente le sue dotti. Occhi puntati anche sui francesi Pierre Rolland, Alexandre Geniez, Jonathan Hivert e il belga Maxime Monfort. La corsa però sarà imprevedibile, poche le asperità e un'ultima mini-cronoscalata di 10 km. Quindi potrebbero avere buona fortuna anche specialisti delle Classiche come Sep Vanmarcke, Mads Pedersen, Jasper Stuyven, Sebastian Langeveld e Christophe Laporte (secondo l'anno scorso). Spazio anche per i tanti e buoni velocisti in gara tra cui Bryan Coquard, Kenny Dehaes, Marc Sarreau e i nostri Niccolò Bonifazio (che già è apparso in ottima forma aggiudicandosi la Tropicale Amissa Bongo), Kristian Sbaragli e Sacha Modolo.

A proposito di italiani in gruppo bisognerà fare attenzione, oltre ai già citati, anche Fabio Felline, Danilo Celano, Alessandro Covi e l'eterno Davide Rebellin.





06/02/2019

Ciro Marino


condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio