Gran Piemonte 2018
Strizza l'occhio ai velocisti il secondo appuntamento del Trittico d'Autunno

Strizza l'occhio ai velocisti il secondo appuntamento del Trittico d'Autunno
condividi la pagina:

Va in scena giovedì 11 ottobre l’edizione numero 101 del Gran Piemonte, seconda classica del Trittico d’Autunno, appuntamento storico del panorama nazionale italiano. Dopo la parentesi 2017, nella cui occasione la corsa valse come titolo nazionale, il percorso strizza l’occhio alle ruote veloci, ma come succede per ogni corsa di un giorno, non vanno sottovalutate possibili sorprese. 

IL PERCORSO:
Dalla durata complessiva di 191 chilometri, la corsa prende il via a Racconigi, in provincia di Cuneo, e prevede un percorso prevalentemente pianeggiante, ondulato dai lievi saliscendi che caratterizzano il territorio attraversato. Attorno al km 50 è presente Sella La Rezza, la sola vera asperità altimetrica di giornata, affrontata in direzione Chivasso: il tracciato prosegue avvolgendo la città di Torino in senso antiorario, transitando da Venaria Reale al chilometro 133. Ricalcando le orme del passato sabaudo, il percorso affronta anche l’attraversamento di Rivoli (km 150), prima di iniziare ad approcciare il finale: viali ampi con limitate difficoltà planimetriche sono il terreno ideale di chi intenda condurre il gruppo allo sprint sulla linea di arrivo, posta a Stupinigi

I FAVORITI:
La Bahrain-Merida presenta una coppia di assoluto valore, con Sonny Colbrelli ed Enrico Gasparotto ad entrare di diritto nel lotto dei favoriti. In caso di arrivo a ranghi compatti, i nostri colori sono inoltre ben difesi da Sacha Modolo della EF Drapac, Francesco Gavazzi della Androni, Riccardo Minali della Astana e Marco Canola della Nippo Vini Fantini. Tra i partenti più attesi non dovrebbe mancare il fresco campione del mondo Alejandro Valverde, che ha messo l’appuntamento del Gran Piemonte come una importante tappa nel suo percorso di avvicinamento al Lombardia di sabato prossimo. Come l’iridato, anche Mikel Landa, il russo Ilnur Zakarin, il giovane colombiano Egan Bernal e il nostro Davide Formolo potrebbero provare qualche iniziativa a sorpresa per testare la condizione in questa stessa ottica. Folta la componente belga: sia Dylan Teuns, sia la coppia Lotto Soudal Tim Wellens Tiesj Benoot hanno le carte in regola per candidarsi alla vittoria finale, soprattutto in caso di condizioni meteorologiche avverse. Infine, da non sottovalutare sono le figure dei britannici Ian Stannard e Steve Cummings, Juan Lobato e Matti Breschel.









10/10/2018

Giovanni Sassi


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non puň essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio