Mondiale Doha-Qatar 2016
Kiryienka mette in palio la corona nella crono: Dennis, Dumoulin e Martin i pretendenti

Kiryienka mette in palio la corona nella crono: Dennis, Dumoulin e Martin i pretendenti

(foto: Bettini)

condividi la pagina:

Una delle prove più attese del Campionato del Mondo di Doha 2016 è la cronometro individuale maschile élite. La corsa andrà in scena mercoledì 12 ottobre e vedrà schierati al via tutti gli specialisti delle prove contro il tempo. Il dorsale numero 1 sarà sulle spalle del bielorusso Vasil Kiryienka, che 12 mesi fa si impose un po' a sorpresa a Richmond; alle spalle dell'atleta del Team Sky conclusero Jerome Coppel terzo e Adriano Malori secondo. La stagione in corso ha sovvertito gli equilibri, dal momento che Kiryenka non ha più mostrato la forza con cui sbaragliò la concorrenza in Virginia, mentre Malori e Coppel non saranno in gara in Qatar. Quello arabo sarà il ventitreesimo mondiale a cronometro; il plurimedagliato della specialità è il campione olimpico di Rio Fabian Cancellara, che si è imposto in ben 4 occasioni; insegue a quota 3 il tedesco Tony Martin, l'unico ex iridato al via della corsa qatariota.

Il percorso

La cronometro individuale si disputerà lungo lo stesso percorso che nella giornata di domenica ha ospitato la cronometro a squadre. Si tratta di un tracciato piuttosto breve, di soli 40 chilometri: un chilometraggio decisamente ridotto dal momento che solitamente la maglia iridata si è assegnata su percorsi di 50-55 chilometri.

I corridori prenderanno il via da Losail, città-cantiere dove è sorto fra l'altro il circuito automobilistico. La prima metà di gara si svolgerà nel pieno del deserto arabo attraverso lunghi rettilinei interrotti da curve a 90°. In seguito gli atleti entreranno nel cuore di Doha per concludere la propria fatica nel futuristico scenario di The Pearl, lungo le strade che saranno teatro della prova in linea.

Pressoché nulle le insidie che  i corridori incontreranno dal punto di vista altimetrico: il panorama qatariota non offre grandi spunti per cui la prova sarà completamente pianeggiante. I pericoli maggiori per gli atleti saranno di natura ambientale: in queste prime giornate di Mondiale abbiamo imparato a conoscere il caldo torrido del Qatar, che unito all'alto tasso di umidità potrebbe trasformare la crono in una prova ad eliminazione. Da non sottovalutare anche l'incognita vento, che soprattutto nella prima fase potrebbe sparpagliare le carte e rimescolare i valori in campo.

I Favoriti

Il 2016 di Vasil Kiryienka non lascia presagire che il bielorusso possa puntare al bis: in questa stagione il solido atleta della Sky non ha ottenuto neanche un successo; il suo ruolo di gregario lo ha spesso costretto al sacrificio, ma neppure nelle prove contro il tempo è riuscito a racimolare più che qualche piazzamento.

I favori del pronostico vanno ai due atleti che meglio si sono disimpegnati quest'anno nelle prove contro il tempo, Rohan Dennis e Tom Dumoulin. L'australiano ha vinto di recente la "prova generale" della crono all'Eneco Tour, e nonostante una stagione fatta di alti e bassi sembra in grado di salire finalmente sul podio del Mondiale, magari sul gradino più alto. L'olandese della Giant-Alpecin ha compiuto un passo indietro rispetto al 2015, tornando ad essere più cronoman e meno uomo di classifica: al Giro d'Italia e al Tour de France ha sbaragliato la concorrenza, mentre alle Olimpiadi di Rio è stato sconfitto soltanto dall'intramontabile Cancellara.

I due sfidanti dovranno però vedersela con il redivivo Tony Martin, che pochi giorni fa ha trascinato la Etixx-Quickstep al successo nella cronosquadre. Dopo un paio di stagioni di appannamento, culminate con il deludente settimo posto di Richmond, Panzerwagen aveva deciso di sacrificare le prestazioni nelle cronometro per testarsi nelle classiche. In questo finale di 2016 però il carrarmato tedesco è tornato competitivo mettendo in fila tutti - compresi Dumoulin e Dennis - nella cronometro del Tour of Britain.

Da non sottovalutare anche lo spagnolo Jonathan Castroviejo, che meno di un mese fa si è laureato Campione Europeo di specialità a Plumelec. In quell'occasione fra i suoi rivali principali ci furono il belga Victor Campenaerts e il portoghese Nelson Oliveira, che punteranno al podio anche a Doha. Altri nomi da tenere sott'occhio sono quelli del polacco Marcin Bialoblocki, dell'olandese Jos Van Emden, dell'australiano Luke Durbrudge, dello statunitense Taylor Phinney e dei britannici Alex Dowsett e Stephen Cummings.

In controtendenza rispetto al passato, l'Italia schiererà un solo atleta: si tratta del bolzanino Manuel Quinziato, che ha strappato il biglietto per Doha laureandosi Campione Italiano lo scorso giugno Il portacolori della BMC è corridore esperto e solido, ma è difficile per lui fissare un obiettivo più ambizioso della top ten. 

La planimetria

Le quote dei favoriti

Dennis Rohan 2,50
Martin Tony 2,75
Dumoulin Tom 6,00
Kiryienka Vasil 6,00
Castroviejo Nicolas Jonathan 15,00
Bialoblocki Marcin 20,00
Bodnar Maciej 25,00
Durbridge Luke 33,00
Van Emden Jos 33,00
Phinney Taylor 50,00
Dowsett Alex 50,00
Campenaerts Victor 66,00
Roglic Primoz 75,00
Lampaert Yves 75,00
Oliveira Nelson 75,00
Vorobyev Anton 100,00
Boasson Hagen Edvald 125,00
Cummings Stephen 125,00
Kueng Stephen 150,00
Le Bon Johan 150,00
Jungels Bob 200,00
Madsen Martin Toft 200,00
Roy Jeremy 200,00
Quinziato Manuel 250,00
Navardauskas Ramunas 300,00
Andersen Soren Kragh 300,00
Roche Nicolas 300,00
Grivko Andriy 400,00
Laengen Vegard Stake 400,00
Bauer Jack 500,00
Siutsou Kanstantsin 500,00
Houle Hugo 500,00
Samoilau Branislau 500,00
Erviti Imanol 500,00
Mullen Ryan 500,00
Hollenstein Reto 500,00
Altro 15,00





11/10/2016

Diretta Ciclismo


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio