Tour de Yorkshire 2019
Occhi puntati sulla nuova Ineos lungo le strade del prossimo Mondiale

Occhi puntati sulla nuova Ineos lungo le strade del prossimo Mondiale
condividi la pagina:

Non mancano i motivi di interesse per seguire il Tour de Yorkshire 2019. La corsa britannica pur essendo soltanto soltanto alla quinta edizione conferma il proprio trend di crescita cavalcando i successi dei corridori d'oltremanica negli anni recenti. A partire dal 2 fino al 5 maggio inoltre i tifosi di casa potranno vedere da vicino la grande novità di questi giorni, il neonato Team Ineos che ha raccolto l'eredità della Sky e si presenta ai nastri di partenza con il proprio uomo copertina, Chris Froome. La carovana transiterà inoltre da Harrogate dove gli atleti avranno modo di transitare sul circuito del prossimo Campionato del Mondo.

Il percorso

Rispetto alle passate edizioni gli organizzatori hanno addolcito il tracciato della corsa disegnando tappe ondulate ma senza arrivi in salita. La frazione più semplice delle quattro in programma è forse la prima, 182.5 chilometri da Doncaster a Selby che presentato una sola salitella (Baggaby Hill, 1900 metri al 5%) ai -50 dal traguardo: sembra inevitabile dunque un primo arrivo allo sprint. Altimetria simile anche per la seconda frazione che avrà almeno l'attrazione del circuito iridato. Dopo 75 chilometri dal via di Barnsley infatti i corridori entreranno nel circuito su cui nel prossimo mese di settembre si assegnerà il titolo di campione del mondo. Gli ultimi 40 chilometri saranno però completamente piatti dunque ci apprestiamo a vedere una nuova volata.

La tappa più impegnativa sulla carta è invece la terza che in soli 132 chilometri da Bridlington a Scarborough prevede ben 5 GPM. Si tratta si salite dalla lunghezza inferiore ai 2000 metri ma le pendenze superano spesso la doppia cifra dunque sembra esserci il terreno per le imboscate, anche se l'ultimo scollinamento avverrà ai -31. Il gran finale avverrà a Leeds al termine di un'altra tappa ondulata. Anche in questo caso gli strappi da affrontare saranno 5 i più appaiono dei quali sono gli ultimi 2: Greenhow Hill (3.3 km al 8.2%) ai -47 e Otley Chevin (1.4 km al 10) ai -21. 

I favoriti

Con ogni probabilità saranno i muri delle tappe numero 3 e 4 a decidere il vincitore della classifica generale. Parte nuovamente da favorito il campione uscente Greg Van Avermaet anche se il fiammingo è reduce da una campagna del nord tanto dispendiosa quanto avara di soddisfazioni. La CCC schiera un altro belga che ha già scritto il proprio nome nell'albo d'oro dello Yorkshire, il 36enne Serge Pauwels; fra gli arancioni attenzione anche al friulano Alessandro De Marchi.  Non crediamo in una prova anonima di Chris Froome, anche considerando che questa è uno dei pochi eventi un cui sarà impegnato prima del grande obiettivo stagionale, il Tour de France. Sempre in ottica classifica generale altri profili da tenere sott'occhio sono quelli di Pierre Rolland e Jonathan Hivert (Total), Nathan Haas (Katusha) e Alexander Kamp (Riwal).

Fra i velocisti il più atteso è senza dubbio Mark Cavendish, non sono per il blasone ma anche perché il britannico della Dimension Data ha dato segnali di ripresa nelle ultime apparizioni. Punta a batterlo in questo appuntamento e ad emularne la carriera un altro suddito di Sua Maestà, il giovanissimo Chris Lawless del Team Ineos. Altre ruote veloci da tenere in considerazione soprattutto nelle prime due tappe sono Connor Swift (Madison Genesis), John Murphy (Rally UHC Cycling), Jonas Van Genechten (Vital Concept B&B Hotels), Boy van Poppel (Roompot-Charles), Mikel Aristi (Euskadi Basque Country-Murias) e l'azzurro Filippo Fortin (Cofidis). Curiosità infine per la prestazione del baby talento Thomas Pidcock, classe '99 in gara con il Team Wiggins.





01/05/2019

Diretta Ciclismo


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non pu˛ essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio