Tour of Qatar 2016
Antipasto di Mondiale a Doha, poker di volate e una crono decisiva

Antipasto di Mondiale a Doha, poker di volate e una crono decisiva

(foto: Bettini)

condividi la pagina:

Dopo il Dubai Tour il grande ciclismo rimane al caldo del medio oriente per il Tour of Qatar 2016. La corsa araba, che spegne quest'anno la quindicesima candelina, perde una giornata di gara ma mantiene invariato il format rispetto alle recenti edizioni con quattro frazioni in linea ed una a cronometro. Per molti corridori, in particolare i velocisti, sarà un'importante occasione per prendere confidenza con le strade di Doha che fra 8 mesi ospiteranno il Campionato del Mondo

Il Percorso

Come detto le frazioni in programma sono cinque. La geografia del Qatar non concede grandi spunti alla fantasia degli uomini di A.S.O., e le quattro tappe in linea non possono che essere completamente piatte. Si comincia con la Dukhan - Al Khor Corniche, che lungo 176 chilometri attraversa per largo la penisola qatariota. Al secondo giorno si svolgerà la tappa in prospettiva più interessante: 135 chilometri con partenza ed arrivo a Doha lungo le strade che assegneranno la maglia iridata nel prossimo ottobre. Il nord del Qatar ospiterà la quarta frazione, la più lunga con i suoi 189 chilometri da Al Zubarah Fort a adinat Al Shamal. Chiusura al quinto giorno con il ritorno dalle spiagge del Sealine Beach Resort fino al centro di Doha.

L'unica variazione allo spartito la concede la terza frazione, con l'ormai tradizionale cronometro dentro il circuito automobilistico di Losail; si tratta di 11 chilometri, ovviamente piatti, ma con molte curve e soprattutto l'incognita vento.

I Favoriti

La vittoria finale sarà decisa da due fattori: gli abbuoni nelle quattro prevedibili volate e la cronometro di Losail. Il lotto dei velocisti è piuttosto folto, e comprende nomi di assoluto valore. Avverrà in Qatar il debutto stagionale di Alexander Kristoff; il norvegese della Katusha punta a bissare l'ottima apparizione del 2015 quando vinse tre tappe e chiuse terzo nella generale. Il suo principale rivale sarà Mark Cavendish, che deve sbloccarsi dopo un Dubai Tour dai risultati deludenti; il Team Dimension Data metterà a disposizione di Cannonball un treno di tutto rispetto che vanta anche la presenza di Edvald Boasson Hagen.

Vanta un successo di tappa al Tour of Qatar Sam Bennett, velocista irlandese della Bora - Argon 18 che ha già mostrato una buona gamba nel Challenge Mallorca. Altri velocisti interessanti sono Moreno Hofland (Team LottoNL-Jumbo), Yauheni Hutarovich (Fortunel - Vital Concept) e Jean-Pierre Drucker (BMC). Come al solito molto agguerrita anche la pattuglia degli sprinter italiani. Saranno della partita Sacha Modolo (Lampre-Merida), Andrea Guardini (Astana), Andrea Palini (Skydive Dubai) e Danilo Napolitano (Wanty).

Non sono molti i corridori in grado di anticipare lo sprint; potrebbe tentare qualcosa Greg Van Avermaet, alla prima recita di questo 2016. La startlist non vanta nomi di grande spessore per quanto riguarda la specialità della cronometro, e questo da maggiori speranze a quel velocista che riuscirà a racimolare più abbuoni. Gli italiani della BMC Manuel Quinziato e Daniel Oss, il tedesco della Ag2r Patrick Gretsch, i due portacolori della Astana Lars Boom e Lieuwe Westra il neozelandese Jesse Sergent sembrano i più quotati nella prova contro il tempo.





07/02/2016

Matteo Pierucci


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio