Trofeo Laigueglia 2019
A Laigueglia Moser e Felline si contendono il trofeo

A Laigueglia Moser e Felline si contendono il trofeo
condividi la pagina:

La riviera ligure si prepara ad accogliere, nella giornata di domenica 17 febbraio 2019, la prima gara ciclistica su strada del panorama italiano per la nuova stagione: il Trofeo Laigueglia. Il trofeo, giunto quest'anno all'edizione numero 56, è organizzato dal Comune di Laigueglia con l'assistenza tecnica del GS Emilia. Domenica mattina alle ore 11:00 scatteranno dal centro di Laigueglia ben 140 atleti, a formare le 20 squadre al via. La domanda che tutti si pongono è: chi subentrerà a Moreno Moser, vincitore lo scorso anno, nell'albo d'oro di questa gara? 

Il percorso.

La bandierina del direttore di gara si abbasserà in Via Roma e ii corridori partiranno per i 203 chilometri che nel tardo pomeriggio li riporteranno a Laigueglia dopo un passaggio in corso di gara. Nell'ordine verranno toccate le località di Albenga, Alassio e Ceriale. Si arriverà così alla salita di Onzo, prima difficoltà di giornata. Proseguendo per Ortovero e Villanova d’Albenga gli atleti arriveranno a Cima Paravenna, storico Gran Premio della montagna della gara rivierasca. Intorno al chilometro cento di gara il gruppo sfilerà per la prima sul traguardo: sarà il preludio allo spettacolo finale. In rapida successione verranno affrontarti il Capo Mele e il Testico per poi entrare nel circuito finale. Saranno 12,6 chilometri da affrontare quattro volte prima di tagliare il traguardo finale: le insidie verranno in particolare dalle salite di Capo Mele e Colla Michieri che potrebbero dare una svolta differente alla gara. Sarà proprio questa l'innovazione del 2019: le quattro ripetizioni del circuito finale. 

I favoriti.

L'attenzione sarà focalizzata in primis su Moreno Moser, vincitore nel 2018, in partenza con il dorsale numero 1 in maglia Nippo-Fantini. Se dovesse ripetersi per il nipote d'arte sarebbe un tris: la vittoria del 2018 era infatti stata preceduta da quella del 2012. In squadra con lui un altro atleta adatto a questo tipo di gare: Marco Canola. Con la casacca della nazionale insle italiana prenderà il via Fabio Felline: il piemontese proverà a bissare il successo del 2017. Altro bis potrebbe provenire da Davide Cimolai, già vincente a Laigueglia nel 2015. Per caratteristiche e tenacia saranno sorvegliati speciali anche Francesco Gavazzi e Matteo Montaguti: i due non sono nuovo a attacchi rocamboleschi e azioni di fantasia in questa gara. Oltre ai già citati sarà comunque folta la schiera di azzurri papabili vincitori: Paolo Totó vorrà riscattare il secondo posto dello scorso anno, Giulio Ciccone potrebbe agire coordinandosi con il capitano designato Felline e magari andare a prendersi la vittoria qualora lo stesso Felline non fosse al top della forma, Giovanni Visconti avrà dalla sua l'esperienza e la carica del nuovo team per provare il colpo grosso, Matteo Busato, infine, vorrà provare a concretizzare i numerosi piazzamenti già ottenuto. Se la corsa si facesse più dura del previsto potranno giocare le proprie carte due scalatori nati come Gianluca Brambilla e Manuel Bongiorno. Tra gli stranieri al via i più pericolosi per la vittoria finale sono individuabili in Romain Hardy e Ben Hermans. 





16/02/2019

Stefano Zago


condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non pu essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio