Vuelta a San Juan 2019
Al via la Vuelta a San Juan: in Argentina scatta la nuova stagione per tanti big

Al via la Vuelta a San Juan: in Argentina scatta la nuova stagione per tanti big

(foto: Bettini)

condividi la pagina:

Scatta il 27 gennaio la Vuelta a San Juan, breve corsa a tappe che da qualche edizione ricopre il ruolo di palcoscenico per l’esordio stagionale per molti big. Analizziamo nel dettaglio il percorso e sfogliamo nella startlist i nomi dei possibili protagonisti.

Il percorso:

Si parte con la San Juan-Pocito di 159 chilometri, Una frazione adatta per le ruote veloci, che presenta a metà percorso due lievi asperità, entrambe di breve lunghezza: si tratta di un doppio passaggio sull’Alto de Las Vacas, con una pendenza media che supera di poco il 4%. Il terreno per chi volesse provare un tentativo a sorpresa non manca invece il secondo giorno di gara, che prevede la Chimas-Peri Lago Punta Negra di 160 chilometri. La corsa affronterà, infatti, per 5 volte l’ascesa all’Alto Punta Negra, una rampa di circa un chilometro, le cui pendenze raggiungono l’8,3%. L’ultimo passaggio, ai -3 km dal traguardo potrebbe rappresentare un invitante rampa di lancio.
La terza frazione offre la possibilità di guadagnare prezioso tempo in classifica agli amanti delle prove contro il tempo: il lunghissimo rettilineo dei 12 chilometri che caratterizzano la Pocito-Pocito sono infatti da vivere tutti d’un fiato, in attesa della seguente frazione, la San José de Jachal-Villa San Agustin, di 185 chilometri. Questa quarta tappa è fortemente caratterizzata da una lunga ascesa a metà percorso, lungo la quale sono posti ben tre GPM: l’ultimo, a quota 1.496 metri, spiana la strada ad una lieve ma costante contropendenza di oltre 80 chilometri che conduce fin sulla linea di arrivo.
Ed eccoci alla quinta frazione, la regina della Vuelta a San Juan. Si ritorna all’Alto Colorado, al termine di una giornata che vede disseminati lungo il percorso altri 3 GPM, di seconda e di terza categoria. La salita finale è lunga quasi 20 chilometri, senza tuttavia presentare una pendenza proibitiva. Attenzione però all’altitudine: i 2.624 metri da raggiungere potrebbero comportare un fattore da non sottovalutare.
La sesta tappa pone la propria partenza e arrivo nei pressi dell’Autodromo El Villicum, ed ad esclusione di una leggera ascesa attorno al 2% in prossimità dell’arrivo non presenta asperità altimetriche, così come la frazione conclusiva, che si sviluppa nell’abitato di San Juan: è un circuito di circa 15 km da ripetere per 9 tornate a sancisce il vincitore dell’ultima frazione.

I favoriti:
Come da un paio di stagioni a questa parte, la Vuelta a San Juan rappresenta il palcoscenico per l’esordio stagionale di molti protagonisti di primo piano. Su tutti ci sarà Peter Sagan, che dall’Argentina dà il via al suo 2019. Gli arrivi a ranghi compatti saranno teatro di sfide tra alcuni dei principali velocisti: la Quick Step presenta Alvaro Hodeg, atteso dal derby colombiano con Fernando Gaviria, all’esordio in maglia UAE Emirates, con il britannico Mark Cavendish intenzionato a fare valere la propria esperienza. Tra i favoriti per il successo finale impossibile non considerare il francese Julian Alaphilippe, così come il belga della Lotto Soudal Tiesj Benoot e la coppia Movistar composta da Nairo Quintana e Richard Carapaz, secondo miglior giovane all’ultimo Giro d’Italia. Occhi puntati inevitabilmente anche sul veterano Oscar Sevilla, che a 42 anni proverà a confermarsi dodici mesi dopo il successo del 2018.
Anche in questa edizione sono forti le tinte azzurre alla Vuelta a San Juan. La UAE Emirates può contare tra gli altri su Valerio Conti e Simone Consonni, mentre per gli sprint sono carte importanti Riccardo Minali e Matteo Malucelli, che nel 2017 colse ben due piazzamenti nei primi tre. Oltre a Rinaldo Nocentini, in maglia Sporting Clube de Portugal, presenze importanti anche per la Androni Giocattoli, Nippo Fantini e Neri Sottoli, tra le cui fila spunta l’esordio di Giovanni Visconti





26/01/2019

Giovanni Sassi


condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio