Binck Bank Tour 2019
Discorso tutto fiammingo per la generale, Van Avermaet sfida la corazzata Deceuninck

Discorso tutto fiammingo per la generale, Van Avermaet sfida la corazzata Deceuninck
condividi la pagina:

Il Binck Bank Tour non cambia pelle per la sua 15° edizione e promette, in chiave classifica generale, una battaglia incerta fino all’ultimo dei 7 giorni complessivi di gara. Il percorso offrirà, come da tradizione, tutti gli ingredienti tipici del ciclismo fiammingo, con pietre, cotes e ventagli che andranno ad esaltare soprattutto le caratteristiche dei corridori di casa, presenti non a caso in quota maggioritaria nel qualificato lotto dei pretendenti al successo. In assenza di frazioni monstre in quanto a profilo altimetrico e di cronometro lunghe, quella di Den Haag di sabato misurerà appena 8,3 km, avranno un peso notevole anche gli abbuoni, in palio sia al traguardo che negli sprint intermedi del “chilometro d’oro”.

 

Il team riferimento della corsa sarà senza dubbio la Deceuninck - Quick Step, che metterà in campo in primis l’esperienza di Philippe Gilbert, pronto ad un finale di 2019 da protagonista dopo l’amara esclusione dal Tour de France. Il vallone sarà tuttavia soltanto la “punta dell’iceberg” di un collettivo abituato come nessun altro a muoversi sulle strade del nord, in cui potranno emergere anche Bob Jungels e Zdenek Stybar, entrambi un po’ opachi nella fase mediana dell’annata ma segnalati in crescita di condizione. Alla forza di squadra del “Wolfpack” si opporrà l’individualità di Greg Van Avermaet (CCC Team), elemento capace di difendersi in qualsiasi scenario e deciso ad incrementare un bottino di vittorie stagionali non dei più appaganti. In una prova che rappresenta in sostanza il suo salotto di casa bisognerà fare i conti anche con Tim Wellens (Lotto Soudal), 2 volte vincitore su queste strade e sempre sul podio nelle ultime 2 edizioni, sebbene sembri aver pagato un po’ troppo le fatiche del Tour, al pari della sua spalla Tiesj Benoot. Nel weekend finale avranno chance di fare la voce grossa pure Dylan Van Baarle (Team INEOS), Mike Teunissen (Team Jumbo-Visma) ed Oliver Naesen (AG2R La Mondiale), potenziali carte vincenti sia per la crono di Den Haag che per la frazioni sui muri di Geraardsbergen.

 

Come di consueto tanta gioventù, ma anche tanta qualità, per il Team Sunweb, che punterà su un tridente tutto da scoprire composto da Marc Hirschi, ottimo 3° domenica scorsa a San Sebastian, Soren Kragh Andersen e dal crossista Joris Nieuwenhuis. Tra le formazioni con più carte da giocare da segnalare sia la Groupama-FDJ, guidata da Stefan Kung e da un Arnaud Demare che potrebbe fare anche un pensierino alla classifica, che la Movistar, al via con due uomini almeno da top 10 come Jurgen Roelandts e Jasha Sutterlin. Tra gli outsiders meritano infine menzione non solo Sep Vanmarcke (EF Education First), Edoardo Affini (Mitchelton-Scott), reduce da due bronzi contro il tempo degli Europei di Alkmaar, Ivan Garcia Cortina (Bahrain Merida) e Xandro Meurisse (Wanty – Gobert Cycling Team), ma anche Sam Bennett (Bora-Hansgrohe) e Jasper Philipsen (UAE Team Emirates), sprinter resistenti in grado di tenere su un percorso comunque privo di difficoltà insormontabili per le stesse ruote veloci. Più difficile applicare lo stesso discorso invece a Dylan Groenewegen (Team Jumbo-Visma) ed Alvaro Hodeg (Deceuninck – Quick Step), candidati però ad almeno un successo parziale nei primi giorni di gara.

 

Il nostro borsino dei favoriti:

**** Gilbert, Van Avermaet

*** Van Baarle, Wellens, Naesen, Teunissen

** Kung, Hirschi, Jungels, Andersen, Meurisse, Stybar, Sutterlin,

* Vanmarcke, Philipsen, Garcia Cortina, Affini, Roelandts, Nieuwenhuis, Demare, Bennett





11/08/2019

Marco Bea


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio