Gree-Tour of Guangxi 2019
Mas in prima fila per il trono di Moscon, Ackerman-Trentin nelle volate

Mas in prima fila per il trono di Moscon, Ackerman-Trentin nelle volate
condividi la pagina:

Il Gree-Tour of Guangxi 2019 rappresenterà per vari atleti un'ottima chance di inserire nel proprio palmares una vittoria a livello World Tour. La qualità media non certo eccelsa della startlist offre chance di successo a corridori che partono solitamente in seconda fila, anche se non mancano nomi di spessore fra i 122 partecipanti. Di sicuro non assisteremo ad un repeat: sono infatti assenti i vincitori delle due precedenti edizioni, Tim Wellens (2017) e Gianni Moscon (2018). La classifica finale sarà decisa con ogni probabilità dalla frazione numero 4, l'unica con arrivo in salita, dunque saranno gli scalatori a giocarsi la maglia rossa finale.

L'uomo di classifica più blasonato al via è Enric Mas, all'ultima apparizione in maglia Deceuninck prima di passare alla Movistar; lo scalatore catalano ha lanciato ottimi segnali al Lombardia e si candida al ruolo di favorito numero 1. Al suo fianco in prima fila piazziamo Felix Großschartner (BORA-hansgrohe), secondo nel 2018 e uscito vincitore al Turchia in una corsa simile per percorso e concorrenza. La squadra più attrezzata è la EF Education First: Hugh Charty, Tejay Van Garderen e Daniel Felipe Martinez sembrano tutti e tre profili spendibili per il colpo grosso. 

Chance multiple anche per la Katusha-Alpecin, che al passo d'addio schiera sia Ilnur Zakarin che Simon Spilak. Come in ogni corsa a tappe attenzione agli Astana che in questa occasione si affidano al ceco Jan Hirt e all'eritreo Merhawi Kudus. Proverà ad emulare il proprio compagno di colori Moscon il piemontese Diego Rosa, sulla carta il più scalatore fra i 7 rappresentanti della INEOS assieme a David De La Cruz. Altri corridori interessanti in ottica generale sono i giovanissimi Carl Hagen (Lotto) e Nicola Conci (Trek). Fra le tre Professional invitate invece l'uomo più atteso e Guillaume Martine, in procinto di passare dalla Wanty alla Cofidis.

Varie firme di prestigio sono pronte ad iscriversi alla lotta per le volate in questo Guangxi. Si candida al ruolo di principe dei velocisti Pascal Ackermann (BORA), ormai stabilmente nell'élite dello sprint. Partirebbe sullo stesso livello del tedesco il miglior Fernando Gaviria, ma il colombiano della UAE ha perso negli ultimi mesi gran parte del proprio smalto. Sarà della partita anche il nostro Matteo Trentin, che all'ultima recita con la Mitchelton punta a togliersi di dosso le scorie della delusione Mondiale. Molto quotata anche la coppia della Trek composta da John Degenkolb e Matteo Moschetti. Le altre ruote veloci al via sono Phil Bauhaus (Bahrain), Riccardo Minal (Israel), Timothy Dupont (Wanty), Jakub Mareczko (CCC) e i due rampolli della INEOS Chris Lawless e Kristoffer Halvorsen.

Fra coloro che invece proveranno ad evitare lo sprint si annoverano i cacciatori di classiche guidati da Sep Vanmarcke (EF); al pari del belga dovranno inventarsi qualcosa per mettersi in mostra corridori delle caratteristiche di Davide Ballerini (Astana), Remi Cavagna (Deceuninck) e Maximilian Schachmann (BORA).





16/10/2019

Diretta Ciclismo


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio