Tirreno-Adriatico 2019
Roglic o Dumoulin per il Tridente? Fuglsang e Alaphilippe le alternative

Roglic o Dumoulin per il Tridente? Fuglsang e Alaphilippe le alternative
condividi la pagina:

Pronti, partenza, via: oramai ci siamo. Domani scatterà la 54esima edizione della Tirreno Adriatico, breve corsa a tappe di avvicinamento al Giro d'Italia, che saggerà la condizione di molti big dei Grandi Giri. La startlist si presenta di livello (ma non è una novità, ndr), sebbene non sia facile individuare un netto favorito, soprattutto in un periodo dell'anno in cui la maggior parte degli atleti si prepara per obiettivi di mezza stagione. 

Parte senza dubbio in prima linea lo sloveno Primoz Roglic (Team Jumbo Visma), pronto a rivaleggiare per il trono della "Corsa dei due Mari". Per prepararsi al Tour de France ci sarà poi Geraint Thomas (Team Sky), la cui condizione fisica-mentale-psicologica non sarà perfetta e difficilmente vedremo il gallese lottare per vincere la Tirreno. Chi invece si presenta con obiettivi ben chiari e precisi è il neerlandese Tom Dumoulin (Sunweb), così come il francese Thibaut Pinot (FDJ) e il britannico Adam Yates (Mitchelton Scott). Forfait dell'ultim'ora per Mikel Landa (Team Movistar).

Attenzione poi ad un corridore che sta andando forte in questo periodo: il danese Jakob Fuglsang (Astana Pro Team), secondo alla Strade Bianche, che dividerà i compiti di capitanato con il kazako Alexey Lutsenko (altro atleta che ha impressionato in questo avvio di stagione, ndr). Attenzioni riposte poi sull'ecuadoregno Richard Carapaz (Movistar), e soprattutto Julian Alaphilippe (Deceuninck Quick Step), pericoloso sui "muri" che presenta la corsa in alcune delle sue tappe. Il neo vincitore della Strade Bianche è in ottima condizione e proverà a conquistare anche "La Corsa dei due Mari". Caratteristiche simili anche per Tim Wellens (Lotto Soudal), che senza grandi montagne può pensare alla generale.

Un po' più decentrati ma comunque sempre corridori forti sono poi, in ottica generale, il giovane Sam Oomen (Sunweb), gli italiani Damiano Caruso (Bahrain Merida) e Davide Formolo (Bora Hansgrohe). In conferenza stampa ha abbassato le aspettative Vincenzo Nibali: il siciliano della Bahrain-Merida ha già due Tridenti in bacheca ma la sua condizione è ancora da rifinire. 

Grandi firme anche in ottica volate. I più attesi sono Elia Viviani (alla prima corsa in italia con la maglia tricolore), Peter Sagan (BORA-hansgrohe) e Fernando Gaviria (UAE Team Emirates), sulla carta i tre migliori sprinter del lotto. Altre ruote veloci da tenere sott'occhio sono Jasper Stuyven (Trek), Giacomo Nizzolo (Dimension Data), Nacer Bouhanni (Cofidis) e Sacha Modolo (EF). Avranno spazio per mettersi in mostra anche corridori dalle caratteristiche di Greg Van Avermaet (CCC), Michael Valgren (Dimension Data) e Zdenek Stybar (Deceunick).

Le quote dei bookmakers

Roglic, Primoz 2,25
Alaphilippe, Julian 4,00
Dumoulin, Tom 6,50
Geraint, Thomas 7,50
Yates, Adam 10
Fuglsang, Jakob 15
Poels, Wouter 20
Pinot, Thibaut 20
Nibali, Vincenzo 33
Kragh Andersen, Sore 33
Moscon, Gianni 33
Oomen, Sam 50
De Plus, Laurens 50
Wellens, Tim 50
Castroviejo, Jonatha 50
Dennis, Rohan 50
Lutsenko, Alexey 50
Caruso, Damian 75
Benoot, Tiesj 75
Mohoric, Matej 75
Van Avermaet, Greg 75
Carapaz, Richard 100
Majka, Rafal 100
Sagan, Peter 100
Vuillermoz, Alexis 100
Hermans, Ben 150
Formolo, Davide 150
Kreuziger, Roman 150
Brambilla, Gianluca 150
Altro 7,50





12/03/2019

Niccolò Anfosso


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio