Risultati
Amstel Gold Race 2019 - Altro show di Van der Poel: scatta, si stacca, recupera e vince allo sprint

Amstel Gold Race 2019 - Altro show di Van der Poel: scatta, si stacca, recupera e vince allo sprint

(foto: Bettini)

condividi la pagina:

Grande spettacolo e vittoria da campionissimo per  Mathieu Van der Poel (Corendon - Circus) all'Amstel Gold Race 2019. L'attesissimo padrone di casa è stato protagonista di una prova folle ma allo stesso impressionante che lo ha visto scattare, essere ripreso, rimanere attardato e poi rientrare sulla testa della corsa per vincere in volata. Alle spalle del talento neerlandese ha concluso  Simon Clarke (EF Education First-Drapac p/b Cannondale), terzo  Jakob Fuglsang (Astana Pro Team).

 Mathieu Van der Poel ha fatto la prima mossa già a 43 chilometri dal traguardo; sul Gulperberg soltanto  Gorka Izagirre Insausti ha creduto nell'azione del neerlandese che però si è rivelata poco produttiva. Il fuoriclasse del ciclocross è stato infatti tenuto nel mirino dal gruppo principale che lo ha riacciuffato sette chilometri più avanti; in concomitanza è avvenuta anche una rovinosa caduta che ha messo fuori gioco  Alexey Lutsenko (Astana Pro Team). 

Dopo questa prima scossa è entrata in scena la Deceuninck-QuickStep che ha mandato all'attacco addirittura  Julian Alaphilippe. Inizialmente è rimasto con lui il campione europeo  Matteo Trentin ma poi si è riformata al comando la coppia della Strade Bianche con  Jakob Fuglsang (Astana Pro Team). Il trentino è invece rimasto attardato in compagnia di  Michal Kwiatkowski (Team Sky) mentre alle spalle di questi atleti un gruppetto di 30 atleti ha proceduto senza trovare accordo. 

Una volta iniziata l'ultima tornata il polacco ex campione del mondo ha staccato Trentin e si è lanciato in solitaria all'inseguimento del duo di testa che sembrava imprendibile. Nonostante  Jakob Fuglsang abbia più volte provato a distanziare  Julian Alaphilippe il francese ha tenuto botta imponendosi come assoluto favorito con il passare dei chilometri, potendo vantare un minuto di margine sui più immediati inseguitori. Quando tutto sembrava scritto  Michal Kwiatkowski ha trovato le ultime energie residue e si è riportato sulla testa della corsa. Una volta formatosi il terzetto al comando il ritmo è precipitato permettendo anche a chi inseguiva di rimetterli nel mirino.

A 800 metri dall'arrivo si sono quindi materializzati al comando  Maximilian Schachmann (BORA - hansgrohe),  Simon Clarke (EF Education First-Drapac p/b Cannondale),  Alessandro De Marchi (CCC TEAM),  Valentin Madouas (Groupama - FDJ),  Romain Bardet (AG2R La Mondiale),  Matteo Trentin (Mitchelton-Scott) tutti trainati dalla locomotiva  Mathieu Van der Poel (Corendon - Circus). Sul rettilineo finale  Julian Alaphilippe ha lanciato per primo lo sprint ma ha sottovalutato il rivale olandese che lo ha sverniciato da sinistra.





21/04/2019

Matteo Pierucci


condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio