Risultati
Freccia Vallone 2017 - Valverde da tiranno sul Mur d'Huy, per lui una storica cinquina, 10° Ulissi

Freccia Vallone 2017 - Valverde da tiranno sul Mur d'Huy, per lui una storica cinquina, 10° Ulissi

(foto: Bettini)

condividi la pagina:

La Freccia Vallone ha un unico ed incontestabile padrone, ovvero  Alejandro Valverde (Movistar Team). Il murciano va a primeggiare per la 5° volta, la 4° consecutiva, sul Mur de Huy, ormai un vero e proprio giardino di casa per il 36enne della Movistar. L'Embatido centra quindi un pokerissimo che migliora ulteriormente quel record di vittorie da lui stesso detenuto, dopo il trionfo della passata edizione. I "primi degli umani" sono stavolta  Daniel Martin (Quick-Step Floors) e  Dylan Teuns (BMC Racing Team), che chiudono al 2° e al 3° posto un ordine d'arrivo in cui ben figura tra i nostri  Diego Ulissi (UAE Team Emirates),  stavolta 10° sulle infide rampe del muro.

Il copione tattico di una corsa tradizionalmente bloccata in attesa dell'asperità finale non riserva sorprese particolari, nonostante qualche variazione al tema più interessante rispetto al recente passato. I 6 attaccanti della prima ora, nello specifico  Nils Politt (Team Katusha - Alpecin),  Yoann Bagot (Cofidis, Solutions Crédits),  Fabien Doubey (Wanty - Groupe Gobert),  Romain Guillemois (Direct Energie),  Daniel Pearson (Aqua Blue Sport) e  Olivier Pardini (WB Veranclassic Aqua Protect), non rappresentano una minaccia per il plotone, controllato sin dall'avvio dagli uomini della Movistar Team e dell'ORICA-Scott .

Raggiunti i fuggitivi a poco meno di 35 km dall'arrivo è  Alessandro De Marchi (BMC Racing Team), già propositivo in precedenza, a forzare la mano. Il friulano procede da solo fino al 2° passaggio sul Mur, quando è  Bob Jungels (Quick-Step Floors) a lanciarsi al suo inseguimento. Il campione nazionale lussemburghese è scatenato e, dopo aver raggiunto l'azzurro, s'invola a sua volta in solitaria, addirittura distanziando il proprio compagno d'avventura in un tratto di discesa. Il battistrada guadagna un vantaggio massimo di quasi 50'' scollina in testa sulla Côte de Cherave, dove in gruppo è  Gianni Moscon (Team Sky) a sacrificarsi per i capitano Kwiatkowski ed Henao.

Il trentino tiene alto il ritmo nelle fasi antecedenti all'ultima scalata del Mur, approcciata al comando da uno Jungels ormai al gancio. L'alfiere della Quick Step viene riassorbito solo all'interno dell'ultimo km e l'avanguardia del gruppo procede sfilacciata, ma senza fiammate, fino agli ultimi 250 m. La prima mossa è quella del giovane  David Gaudu (FDJ), che trova una pronta reazione di  Alejandro Valverde (Movistar Team). Il murciano non attendeva altro per dar sfogo a tutti i propri cavalli e va a saltar via il francesino quasi di slancio, annichilendo il resto della concorrenza. Nelle ultimissime rampe Valverde galleggia leggero verso il suo 10° sigillo stagionale, mentre alle sue spalle  Daniel Martin (Quick-Step Floors), fattosi trovare troppo indietro negli istanti decisivi, brucia nella lotta per il 2° gradino del podio nell'ordine  Dylan Teuns (BMC Racing Team),  Sergio Luis Henao (Team Sky) e  Michael Albasini (ORICA-Scott). Il più a suo agio sul Mur tra gli azzurri si conferma essere  Diego Ulissi (UAE Team Emirates), che con la 10° piazza di oggi conquista la sua 3° top 10 in carriera alla Freccia Vallone.



CLICCA PER ORDINE D'ARRIVO E CRONACA DELLA GARA





19/04/2017

Marco Bea


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio