Risultati
Giro d'Italia 2019 - Ewan si prende l ultima per le ruote veloci davanti a Demare e Ackermann

Giro d'Italia 2019 - Ewan si prende l ultima per le ruote veloci davanti a Demare e Ackermann

(foto: Bettini)

condividi la pagina:

 Caleb Ewan (Lotto Soudal) ha vinto l'undicesima tappa del Giro d'Italia 2019 battendo nello sprint di Novi Ligure  Arnaud Demare (Groupama - FDJ) e la maglia ciclamino  Pascal Ackermann (BORA - hansgrohe). Ultima chance per le ruote veloci del gruppo prima dell'arrivo delle montagne: il più atteso era naturalmente  Elia Viviani (Deceuninck - Quick Step) che però non è andato oltre il quarto posto e ha annunciato l'intenzione di ritirarsi dalla corsa rosa. "Non sono sereno, il mio Giro finisce qui", il commento amaro dell'olimpionico.Maglia rosa ancora saldamente sulle spalle di  Valerio Conti (UAE Team Emirates).

Seconda tappa di questa seconda settimana di Giro d'Italia è seconda frazione di trasferimento, caratterizzata da un percorso totalmente pianeggiante, lungo ben 221 chilometri, e da due traguardo volanti in località San Zenone e Pontecurone. Nonostante il finale di tappa si presti a una quasi certa conclusione in volata i coraggiosi di giornata provano a sfodare un destino già scritto andando in avanscoperta: all'abbassarsi della bandierina partono Mirco Maestri della Bardiani CSF, Marco Frapporti della Androni Sidermec e Damiano Cima della Nippo Fantini. La scelta del gruppo è quella usuale in queste circostanze: lasciare sfogare la fuga per i primi chilometri poi tornare a gestire il vantaggio e chiudere nei chilometri conclusivi. Non un impiccio oggi: tutto fila secondo i piani. Il vantaggio tocca dapprima i 6', successivamente viene mantenuto per lungo tempo sul 1'40" e infine annullato del tutto in prossimità dei meno 27 al traguardo. La quiete è scossa solo dagli sprinter per i traguardi volanti dove Demare conferma la gamba vista ieri proponendosi come uomo di punta per lo sprint. 

La volata è storia recente: Caleb Ewan sfrutta la scia di Ackermann per sopravanzarlo negli ultimi metri. In seconda posizione di piazza Arnaud Demare in terza il tedesco Pascal Ackermann ancora malconcio dopo la caduta nella frazione di ieri. La delusione dopo il traguardo è titta per Elia Viviani: il veronese non è partito col piede in queste Giro e già da giorni si ventilava l'ipotesi di un possibile abbandono. Oggi, nel dopo tappa, la certezza: Viviani lascia il Giro d'Italia. Alla base del ritiro secondo le prime dichiarazioni una situazione di non serenità che non permette un buon rendimento. 

Con classifica generale invariata e con Valerio Conti al vertice in maglia rosa ci si prepara alle prime tappe adatte agli uomini di classifica, a cominciare da domani. Da Cuneo a Pinerolo attraverso 158 chilometri: il nome delle località di partenza e arrivo ricorda scenari mitici, in realtà il tracciato della frazione sarà ben diverso dal classico tracciato della Cuneo-Pinerolo. Il Gpm di prima categoria di Montoso ai meno quaranta dal traguardo potrebbe però creare qualche distacco. Il punto sarà poi gestire l'eventuale vantaggio lungo la discesa e il falsopiano che porta a Pinerolo. 





22/05/2019

Stefano Zago


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non pu essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio