Risultati
Tour de France 2019 - Simon Yates fa doppietta. Pinot apre una crepa sul muro giallo d Alaphilippe

Tour de France 2019 - Simon Yates fa doppietta. Pinot apre una crepa sul muro giallo d Alaphilippe

(foto: Bettini)

condividi la pagina:

Vittoria di  Simon Yates (Mitchelton-Scott) nella quindicesima tappa del Tour de France; il britannico fa segnare la sua personale doppietta alla Grande Boucle in cima a Foix - Prat d’Albis. Ma il vero vincitore di giornata è ancora  Thibaut Pinot (Groupama - FDJ) che apre una crepa sul muro giallo di uno stoico  Julian Alaphilippe (Deceuninck - Quick Step) che perde oltre un minuto sul connazionale e trentacinque secondi da  Geraint Thomas (Team INEOS). 

La corsa

Inizio tappa caratterizzata da una fuga di quasi quaranta atleti definibile come la fuga dei delusi Vincenzo Nibali (Bahrain Merida Pro Cycling Team),  Nairo Quintana (Movistar Team),  Romain Bardet (AG2R La Mondiale)  e  Daniel Martin (UAE Team Emirates) si muovono nel tentativo di ridare un senso al proprio Tour cercando una vittoria di tappa o un po' di spazio per ritornare in corsa per un piazzamento nella generale.

Dietro tira la squadra di  Julian Alaphilippe (Deceuninck - Quick Step) dove si segnala un grandissimo  Elia Viviani (Deceuninck - Quick Step) insieme ai migliori fino a metà del Mur de Péguère, la salita più dura di giornata. Qui si iniziano a muovere le carte, ma l'unico che tenta una mossa è il solo  Mikel Landa (Movistar Team) che prova a sfruttare la presenza davanti di diversi compagni per guadagnare preziosi secondi.

Tra gli attaccanti è  Simon Yates (Mitchelton-Scott) a fare la differenza e ad andarsene con  Simon Geschke (CCC TEAM), lasciando al loro destino Bardet e Quintana.

Si decide tutto sulla salita finale verso il traguardo di Foix - Prat dl'Albis: a prendere in mano la situazione è  David Gaudu (Groupama - FDJ) che spiana la strada per l'accelerazione di  Thibaut Pinot (Groupama - FDJ). Uno, due, tre, cinque scatti fiaccano la resistenza di tutti gli avversari: i più freschi appaiono  Egan Bernal (Team INEOS) e  Emanuel Buchmann (BORA - hansgrohe) che rimangono in scia del francese, mentre per gli altri è fatica e sudore.

 Julian Alaphilippe (Deceuninck - Quick Step) prova a tenere la ruota di questi, ma poi ai meno cinque va fuori giri e deve ripiegare nel gruppo  Geraint Thomas (Team INEOS) che, intuita la difficoltà della maglia gialla, sferra un attacchino seguito da  Steven Kruijswijk  (Team Jumbo-Visma),  Alejandro Valverde (Movistar Team) e un ritrovato  Richie Porte (Trek-Segafredo). 

Al traguardo mentre Yates fa festa, Pinot cerca di guadagnare ogni possibile secondo, arrivando insieme a un positivo Landa. Alla fine saranno quasi 90 sulla maglia gialla che si è difesa più con i nervi che con le gambe, una ventina su Bernal e Buchmann, quasi un minuto su Thomas e Kruijswijk. Peggio va a Uran, finito a oltre due minuti e mezzo e a Mas, saltato per problemi fisici già a metà tappa.

Si va al giorno di riposo con sei atleti in due minuti e quindici secondi nella generale e ancora tre tappe di alta montagna sulle Alpi che saranno decisive per il podio di Parigi.

La Francia gongola con un  Thibaut Pinot (Groupama - FDJ) che appare decisamente il più forte in salita e con una squadra che può tentare di far saltare il banco. Ma da questo Tour abbiamo imparato che quel che è vero oggi, difficilmente lo è domani. Figuriamoci tra una settimana.





21/07/2019

Diretta Ciclismo


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non pu essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio