Risultati
Tre Valli Varesine 2019 - Roglic vince anche da finisseur, a Visconti la volata dei battuti

Tre Valli Varesine 2019 - Roglic vince anche da finisseur, a Visconti la volata dei battuti

(foto: Claudio Bergamaschi)

condividi la pagina:

Non sembra conoscere fine il momento d'oro di  Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) che quest'oggi ha aggiunto anche la Tre Valli Varesine alla lunghissima lista dei successi conseguiti in questo 2019. Lo sloveno ha messo in scena l'ennesimo show a Varese staccando tutti con un attacco da finisseur nell'ultimo chilometro nonostante fosse il corridore più osservato e marcato in gruppo. Mastica amaro  Giovanni Visconti (Neri Sottoli - Selle Italia - KTM) che ha vinto la volata ma si è dovuto accontentare del podio; terza piazza per il campione uscente  Toms Skujins (Trek-Segafredo). Il finale della corsa è stato segnato da un evento insolito per questi livelli: le moto della scorta hanno portato sulla strada sbagliata alcuni atleta di testa come  Vincenzo Nibali (Bahrain Merida Pro Cycling Team) e  Daniel Martin (UAE Team Emirates) tagliandoli fuori dalla lotta per la vittoria.

La corsa ha preso un copione ben definito fin dal chilometro zero;  Michael Gogl (Trek-Segafredo) ha attaccato per primo portandosi dietro  Davide Ballerini (Astana Pro Team),  Jose Herrada Lopez (Cofidis, Solutions Crédits),  Umberto Marengo (Neri Sottoli - Selle Italia - KTM),  Valerio Agnoli (Bahrain Merida Pro Cycling Team) e  Mattia Frapporti (Androni Giocattoli - Sidermec). Questo sestetto ha preso il largo anche se il gruppo alle loro spalle non si è mai assopito; prima la Bardiani e poi la Jumbo-Visma hanno tenuto i fuggitivi nel mirino concedendo loro non oltre 4 minuti di vantaggio.

Una volta entrati nel circuito del Montello i battistrada si sono via via sgranati; prima si sono staccati Agnoli e Frapporti, poi Marengo, infine anche Herrada ha perso la ruota di Gogl e Ballerini. Tutti questi uomini si sono comunque arresi quando alle loro spalle è iniziala la bagarre fra i big, con  Tim Wellens (Lotto Soudal) che ha dare fuoco alla miccia ai -35 dal traguardo. L'azione del belga non è durata molto ma ha acceso gli animi in particolare di  David Gaudu (Groupama - FDJ) e  George Bennett (Team Jumbo-Visma). Anche questa coppia però ha avuto vita breve, mentre ben più pericoloso è sembrato il drappello di 14 atleti che hanno allungato ai -20, animato fra gli altri da  Alejandro Valverde (Movistar Team),  Diego Ulissi (UAE Team Emirates) e  Daniel Martin (UAE Team Emirates). 

Immediatamente hanno reagito a questa imboscata gli uomini di  Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) coadiuvati dai Neri Sottoli; il lavoro di queste squadre ha rimesso nel mirino i fuggitivi ma gli unici a riuscire a saltare sulla fuga sono stati  Gianluca Brambilla con  Bauke Mollema (Trek-Segafredo),  Alex Aranburu (Caja Rural - Seguros RGA) e soprattutto un brillante  Vincenzo Nibali (Bahrain Merida Pro Cycling Team). Il gruppo di testa è dunque salito a 18 unità, ma nel frattempo in discesa è arrivata la fagianata di  Luis Leon Sanchez Gil (Astana Pro Team). Il murciano ha guadagnato una quindicina di secondi sui più immediati inseguitori mentre il grosso del gruppo sembrava ormai tagliato fuori dalla contesa a quasi un minuto.

Nel finale però è successo l'imponderabile: i 17 dietro a Sanchez sono finiti sulla strada sbagliata e prima di tornare sulla retta via erano ormai esclusi dalla battaglia. A quel punto ha ripreso vigore l'inseguimento del plotone principale mentre lo spagnolo ormai esausto ha visto diminuire rapidamente il proprio margine. La mannaia per Sanchez è arrivata per colpa di  Pierre-Roger Latour (AG2R La Mondiale) che all'ultimo chilometro ha attaccato. A ruota del francese si sono portati  Gianni Moscon (Team INEOS),  Jakob Fuglsang (Astana Pro Team) ma soprattutto  Primoz Roglic che a 500 metri dalla linea d'arrivo ha ulteriormente cambiato il ritmo, salutando tutti gli avversari e lanciandosi verso il successo.




(foto: Claudio Bergamaschi)




08/10/2019

Diretta Ciclismo


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non puō essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio