Risultati
UAE Tour 2020 - Yates manda tutti KO nel primo round di Jebel Hafeet. A oltre un minuto Pogacar

UAE Tour 2020 - Yates manda tutti KO nel primo round di Jebel Hafeet. A oltre un minuto Pogacar
condividi la pagina:

Prestazione maiuscola di  Adam Yates (Mitchelton-Scott) che ha dominato la terza tappa dell'UAE Tour 2020. Il folletto britannico ha sbaragliato concorrenza lungo l'ascesa di Jebel Hafeet - che verrà ripetuta fra due giorni - concludendo in solitaria e mettendo già una seria ipoteca sulla classifica generale. Il primo degli sconfitti è stato l'attesissimo  Tadej Pogacar (UAE-Team Emirates) che ha accumulato oltre un minuto di ritardo; più indietro  Alexey Lutsenko (Astana Pro Team) con  David Gaudu (Groupama - FDJ) e  Rafal Majka (BORA - hansgrohe), a due minuti ha concluso il gruppetto con gli altri big regolato da  Diego Ulissi (UAE-Team Emirates).

Il lungo tratto di avvicinamento alla salita finale è stato animato da quattro fuggitivi:  Victor Campenaerts (NTT Pro Cycling),  Jasper De Buyst (Lotto Soudal),  Stijn Steels (Deceuninck - Quick Step) e  Umberto Marengo (Vini Zabù - KTM). Il gruppo li ha lasciati andare accumulando oltre 6 minuti di ritardo e l'unica preoccupazione sono state le cadute: prima è toccato a  Domenico Pozzovivo (NTT Pro Cycling) e  Emanuel Buchmann (BORA - hansgrohe) finire per terra, poi a  Gianluca Brambilla (Trek-Segafredo) ma per fortuna tutti questi atleti sono potuti ripartire senza conseguenze.

Il lavoro dei team degli uomini di classifica è stato perfetto e ai -10, in vista delle prime rampe, i fuggitivi della prima ora sono stati riassorbiti; subito dopo si sono lasciati sfilare i velocisti e anche, senza sorprese, il convalescente  Chris Froome (Team INEOS). La salita è stata inaugurata con uno scatto di  Victor De La Parte Gonzalez (CCC Team ), emulato poi da  Merhawi Kudus (Astana Pro Team) che però non è riuscito a riportarsi sullo spagnolo. Questa coppia è stata però spazzata via dall'affondo di  Adam Yates (Mitchelton-Scott) arrivato quando mancavano 6000 metri alla vetta; il britannico si è portato dietro soltanto  Alexey Lutsenko (Astana Pro Team) e  David Gaudu (Groupama - FDJ) ma poco più avanti con un nuova sgasata è rimasto da solo al comando. Rapidamente il suo vantaggio è salito a 30'' e ai -4 chilometri quando è partito  Tadej Pogacar (UAE-Team Emirates) era ormai troppo tardi. In realtà lo sloveno si è riportato rapidamente sulla coppia di inseguitori, ma poi non è riuscito ad accelerare ulteriormente ed ha visto costantemente incrementare il proprio ritardo dal leader.

Senza mai voltarsi indietro  Adam Yates ha spinto il rapportone fin sulla linea del traguardo chiudendo con 1'03'' di vantaggio su  Tadej Pogacar e balzando così saldamente in vetta alla generale. Giovedì ci sarà la replica su questo traguardo ma l'impressione è che il britannico della Mitchelton a questo UAE abbia una marcia in più.





25/02/2020

Diretta Ciclismo


ALTRE NOTIZIE CORRELATE

condividi la pagina:
ALTRE NOTIZIE

condividi la pagina:



Associazione Diretta Ciclismo
via S.Pertini 159 - 55041 Camaiore (LU) - P.IVA 02302740465
Questo sito non è una testata giornalistica o similare e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente in base ai contenuti dei collaboratiri del sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62/01.
Informazioni su privacy e disclaimer Archivio